Vecchia guardia

ITALIA - 1934
Poco lontano da Roma. Albori della nuova Italia di Mussolini. Gli squadristi, guidati da Roberto Gardini, il figlio maggiore dei dottore del villaggio, accorrono a sedare i disordini provocati dagli ultimi sovversivi, i più tenaci. Ma durante una di queste spedizioni il fratello di Roberto, Mario, un ragazzo vivace, serio e intelligente, viene ucciso. Il dolore per il sacrificio del giovane calma gli animi. Anche gli avversari più irriducibili, sgomenti, rientrano in sé, e tutti, alla fine, si riappacificano e si uniscono nel segno del loro bene più grande, la Patria. Lina, la maestra del paese, ammira la famiglia del dottore. La stima reciproca, la simpatia per la comunanza delle idee e dei sentimenti, trasformano in amore il sentimento tra lei e Roberto, amore che incoraggia all'azione, assieme al ricordo del piccolo eroe caduto nei giorni della Marcia su Roma.

CAST

NOTE

- SUONO: GIUSEPPE CARACCIOLO.

- IL FILM E' STATO GIRATO NEGLI STABILIMENTI DELLA FARNESINA.

- DISTRIBUITO ANCHE IN GERMANIA CON IL TITOLO: "MARIO".

CRITICA

"[...] Noi vorremo che il film servisse ormai di modello, come punto di partenza per un'autentica cinematografia italiana. Guardate questi attori: provengono quasi tutti dal teatro, eppure non han nulla di teatrale. Si sono riplasmati, immedesimati a tal punto del loro compito, che sono tutt'uno coi personaggi. Stupendi. E la prova maggiore del prodigio ottenuto, è nella recitazione di un ragazzo, il Brambilla, che più bravo non potrebbe essere. [...] Non è da oggi che consideriamo il Blasetti come una delle più sicure forze della nostra industria del film. I suoi precedenti lavori erano sempre sorretti da propositi generosi, da una sincera passione d'arte, ma anche pieni di mende. E lo dicemmo sinceramente, a costo di sppiacergli. Così possiamo salutare, ammirati, questa 'Vecchia guardia' e, con essa, la raggiunta maturità del regista romano. L'opera attuale è il frutto di seri studi e faticate esperienze". (E. Roma, "Cinema Illustrazione", 5, 30 gennaio 1935).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy