Sette anime

Muccino ritrova Will Smith in una storia di redenzione ambiziosa e cupa. Spiritualismo new age e troppa artificiosità

8 Gennaio 2009
1/5
Sette anime
Sette anime

Traumatizzato da un terribile incidente d’auto che ha provocato la morte di sette persone, un esattore delle tasse (Will Smith) vuole redimersi salvandone altrettante. La scelta ricade su alcuni individui bisognosi di sostegno medico e dalla comprovata bontà. Ma sarà proprio una giovane cardiopatica (Rosario Dawson) a stravolgere i suoi piani e a riportarlo lentamente alla vita. Al suo secondo film americano – dopo l’acclamato La ricerca della felicità – Gabriele Muccino ritrova Will Smith in una parabola ambiziosa e cupa sulla forza del dolore e il significato della salvezza. Costruito come un vero e proprio giallo – Muccino gioca a carte coperte, e per tre quarti del film costringe il pubblico a seguire le mosse del protagonista senza esplicitarne il movente – Sette anime cerca di coniugare l’esistenzialismo di matrice europea con la sensibilità americana verso un cinema più esibito e spettacolare. Il regista romano rifiuta così ogni approccio emozionale e psicologico alla sofferenza preferendo raccontarne l’epidermide, le conseguenze determinate da una lacerazione interiore piuttosto che la lacerazione stessa. Consegnando però l’intimità all’azione, il dramma al melo-dramma (con inevitabile love story di sapore necrofilo), Muccino finisce per pervertire l’ordine simbolico del film, perché “usa” la storia e i suoi risvolti profondi in funzione dello spettacolo, non viceversa. Non sorprende dunque se la critica americana ha storto il naso parlando di religiosità new-age e intenti manipolatori: la spiritualità (e i supposti echi cristologici) rimane di facciata e temi delicati come il senso di perdita, il dono di sé, la compassione, vengono giocati su un piano puramente esteriore, come se bastasse un’espressione triste per parlare di tristezza e un’illuminazione tetra per comunicare l’abisso esistenziale. Così dopo il sorprendente esordio di due anni fa in terra straniera Muccino conferma i limiti di un cinema ancora troppo legato a un’estetica post-pubblicitaria, fatta di belle immagini, musica gradevole e poca sostanza. Non supportato nemmeno da Will Smith, in grande imbarazzo nei panni del samaritano che non vuole più vivere. Peccato per Rosario Dawson, l’unica che riesca a sembrare sincera anche quando prepara la parmigiana (sì, succede pure questo), e Woody Harrelson che spreca il suo talento nella parte di un pianista cieco ostinatamente buono e irrimediabilmente patetico.

Lascia una recensione

2 Commenti on "Sette anime"

avatar
più nuovi più vecchi più votati
Antonino
Ospite

(L’altruismo fino all’estremo)

In 7 giorni Dio creò il mondo, in
7 secondi, io ho distrutto il mio.

Con questo titolo inizia il film,
all’insegna del numero 7, come 7 sono le vite spezzate in un incidente
stradale, e 7 dovranno essere le vite da salvare a qualunque costo.

E’ questo il sunto di una storia,
narrata dal regista Muccino con grande professionalità.

Film originale, che emoziona e
commuove. Grande l’interpretazione degli attori.

Da premiare la regia, il migliore
attore protagonista, la colonna sonora.

Marko
Ospite

Non era un esattore delle tasse ad ogni modo..

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy