Mistero per la Connelly

"Non è solo un film dell'orrore" dice l'attrice del suo nuovo film, Dark Water diretto da Walter Salles
20 Giugno 2005
Mistero per la Connelly

(Cinematografo.it/Adnkronos) – “E’ un horror soprannaturale, ma sono i fantasmi dell’infanzia quelli che sconvolgono il mio personaggio”. E’ a Roma Jennifer Connelly, protagonista di Dark Water, il nuovo film diretto da Walter Salles – già regista di Central do Brasil e I diari della motocicletta – in uscita nelle sale italiane il 21 ottobre distribuito dalla Buena Vista. Realizzata da un’idea di Hideo Nakata, la pellicola racconta la storia di Dahila Williams, una giovane madre che, reduce da un divorzio, è decisa a lasciarsi alle spalle il rapporto con il suo ex marito e a dedicarsi esclusivamente alla figlia Ceci (l’esordiente Ariel Gade). Si trasferisce in un appartamento fatiscente nella periferia di Seattle che sembra infestato da misteriose presenze. Non è la prima volta che la Connelly si cimenta con genere horror: nel 1985 fu diretta da Dario Argento in Phenomena. “Quel film era più cruento di Dark Water – spiega l’attrice – Salles ha investito di più sui personaggi e la protagonista è una donna abbandonata dalla madre, che cerca di non ripetere con sua figlia quello che lei ha subito, di spezzare il cerchio dell’abbandono, una donna che cerca di arrivare all’amore materno puro”. Il fatto che la minaccia non sia rappresentata da un mostro esterno la rende più sofisticata e sottile”. L’acqua che comincia a filtrare dal soffitto e ad allagare l’appartamento è un elemento portante della pellicola, “è qualcosa che dà e che toglie la vita, trasparente e scura allo stesso tempo” continua l’attrice premiata con l’Oscar per A Beautiful Mind e di recente diventata madre. Della sua carriera, iniziata quando era ancora giovanissima, l’attrice ricorda l’esperienza sul set di Sergio Leone in C’era una volta in America (suo film d’esordio) e dice: “Credo di essere migliorata, ma ho ancora tanto da imparare. Rispetto al passato oggi ho più opportunità, leggo più sceneggiature e posso scegliere meglio. Dopo la nascita del mio primo figlio, a 25 anni, ho cambiato rapporto con il mio lavoro. Ho combattuto per i film che volevo realizzare, ho preso il controllo della mio lavoro”. Dal 5 luglio Jennifer Connelly sarà nuovamente sul set per iniziare le riprese di Little Children, un film tratto dall’omonimo libro di Tom Perrotta, diretto da Todd Field, già regista di In the Bedroom. “Sarà un genere diverso da quelli fatti finora, una satira – anticipa l’attrice – su alcuni adulti che vogliono rimanere bambini”.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy