In morte del fratello Giovanni

"Possano le sue idee soffiare come il vento", dice di Falcone Pasquale Scimeca. Autore di un corto che ricorda la figura del giudice a vent'anni dalla strage di Capaci
28 Marzo 2012
In morte del fratello Giovanni

A vent’anni dalla morte di Giovanni Falcone, di Francesca Morvillo e degli uomini della scorta, il regista Pasquale Scimeca (Placido Rizzotto, Rosso malpelo, Malavoglia) gira un film cortometraggio per ricordare, insieme alla Fondazione Giovanni e Francesca Falcone, il magistrato ucciso dalla mafia. Il 30 marzo, infatti, partiranno le riprese di Convitto Falcone – la mia partita, tratto da un racconto di Giuseppe Cadili. Il film sarà interamente girato nel Convitto dove lo stesso magistrato frequentò le scuole elementari. La sceneggiatura è di Pasquale Scimeca e di Francesco La Licata, scrittore, giornalista de La Stampa, amico del giudice ucciso a Capaci il 23 maggio 1992, autore della biografia “Storia di Giovanni Falcone”.
Convitto Falcone – la mia partita racconta la storia di Antonio, un adolescente che, grazie a una borsa di studio, entra nel convitto dove studiò Falcone. Il luogo, il ricordo del magistrato e gli insegnamenti del suo educatore lo spingeranno a riflettere sui temi della legalità e della giustizia.
“Venti anni fa la mafia completava un lungo percorso di stragi (iniziato nel 1947 con Portella delle Ginestre e l’assassinio di Placido Rizzotto) uccidendo Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Dieci anni prima aveva assassinato Pio La Torre e Carlo Alberto Dalla Chiesa. Come cittadino, come intellettuale e come siciliano, ho aderito con entusiasmo alla richiesta del rettore del Convitto dove il giudice aveva frequentato le scuole elementari e della Fondazione Falcone, per realizzare un piccolo film che potesse essere utile nel perpetuare il ricordo di un uomo che ormai è entrato nella leggenda. Non solo il ricordo, ma anche l’insegnamento, come amava dire Falcone rivolgendosi ai giovani “le nostre idee continueranno a camminare sulle vostre gambe”. Anche questo film è rivolto principalmente ai giovani, a quei ragazzi che nel 1992 non erano ancora nati, nella speranza che le idee e l’esempio di Giovanni Falcone, di Paolo Borsellino e di tutti quelli che hanno sacrificato le loro vite nella lotta alla mafia, possano soffiare come il vento e svegliare le nostre coscienze”, ha dichiarato Pasquale Scimeca.
Nel cast troviamo Donatella Finocchiaro, Guja Jelo, David Coco, Enrico Lo Verso, Marcello Mazzarella, Antonio Ciurca, Vincenzo Albanese, Filippo Luna e i ragazzi del Convitto Nazionale G. Falcone. Prodotto dalla Arbash, in collaborazione con Rai Cinema, il film ha avuto un Contributo dell’assessorato allo Sport, Turismo e Spettacolo – Filmcommission – della Regione Sicilia, della Camera di Commercio di Caltanissetta, ed è sponsorizzato da Unicredit Sicilia. Il promo del film sarà proiettato il 23 maggio a Palermo alla presenza del Presidente della Repubblica. Tutti gli incassi del film verranno devoluti per la realizzazione in Ecuador di un centro dedicato a Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e agli uomini della scorta per l’accoglienza dei ragazzi di strada.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy