Hip Hop hurra!

"Non assecondate i vizi, ma le passioni dei vostri figli", dice Francesco Facchinetti. Con Luca Argentero, tra le voci italiane dell'animazione Universal
23 Marzo 2011
Hip Hop hurra!

“Per tre mesi ho recitato da solo, cercando di interagire con un personaggio che non c’era e che sarebbe stato animato soltanto in postproduzione. Alla fine della giornata mi sentivo un pazzo”. Parola di James Marsden (attore di X-men) che nella nuova commedia del regista di Alvin Superstar, Tim Hill, interpreta Fred: un trentenne fannullone alle prese con il coniglio C.P. (doppiato da Russell Brand). Dai creatori del blockbuster Cattivissimo me arriva in Italia, distribuito in 400 copie da Universal, Hop Caramelle, pulcini & rock’n roll, che mescola il live-action alla più sofisticata tecnica d’animazione.
“E’ un film che insegna a  perseguire i nostri sogni. Il coniglio decide di abbandonare l’isola di Rapa Nui, meglio conosciuta come l’isola di Pasqua, alla volta di Hollywood per realizzare il  sogno di diventare un batterista invece di seguire le orme di suo padre, il Coniglio Pasquale che prepara i cesti di caramelle da consegnare ai bambini”, dice James Marsden che, come C.P., ha deciso di lasciare l’Oklahoma alla volta di Hollywood per realizzare il sogno di diventare un attore.
E Luca Argentero, che nella versione italiana del film doppia Fred, aggiunge: “Anche io ho realizzato il mio sogno: fare l’attore. Mi diverte molto lavorare con la voce e gli accenti, sono nato in una famiglia di doppiatori e penso che il doppiaggio sia un mestiere difficilissimo, ma sono stato fortunato a lavorare con Fiamma Izzo”.
“In Italia abbiamo i più grandi doppiatori del mondo e io mi sono identificato totalmente nel coniglietto. Hop è una storia molto divertente e trasversale che può prendere grandi e piccini”, prosegue il figlio del tastierista dei Pooh Francesco Facchinetti, meglio conosciuto come Dj Francesco, che in Hop doppia C.P..”Odio le definizioni. Faccio televisione, ma non mi sento un presentatore. Canto, ma non mi sento un cantante. Forse l’unica definizione che mi si addice è il comunicatore e il disc jockey”, dice  Francesco Facchinetti  che conclude con una raccomandazione rivolta ai genitori: “Non assecondate i vizi dei vostri figli, ma le loro passioni!”.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy