Ciné: una parata di star

Anche Zalone, Scamarcio, Germano e Abatantuono a Riccione (1-4 luglio). Da dove le associazioni annunceranno iniziative di mobilitazione per il taglio del tax credit
28 Giugno 2013
Ciné: una parata di star

Sempre più artisti saranno a Riccione alla terza edizione di Ciné – Giornate estive di cinema, in programma dall’1 al 4 luglio, per presentare i loro nuovi film. Hanno confermato la loro presenza Riccardo Scamarcio, Elio Germano, Checco Zalone, Alessandra Mastronardi, Rocco Papaleo, Giovanni Veronesi, Pasquale Petrolo (“Lillo”), Claudio Gregori (“Greg”), Luca Bizzarri, Paolo Kessisoglu, Gennaro Nunziante, Francesco Mandelli, Neri Parenti, Diego Abatantuono, Katy Saunders, Anna Foglietta, Primo Reggiani, Paolo Ruffini, Brando Quilici, oltre ai già annunciati Carlo Verdone, Raoul Bova, Claudia Gerini, Alessandro Gassman, Stefano Accorsi, Vincenzo Salemme, Angela Finocchiaro, Marco Giallini, Vittoria Puccini, Nancy Brilli, Serena Autieri, Martina Stella, Geppi Cucciari, Giorgio Pasotti, Fausto Brizzi, Carlo ed Enrico Vanzina, Federico Moccia e Paolo Genovese.
“L’appuntamento di Ciné cade in un momento nel quale stiamo vivendo un ritorno del pubblico in sala”, afferma Richard Borg, presidente della sezione distributori ANICA che promuove la manifestazione in collaborazione con gli esercenti dell’ANEC e dell’ANEM. “La Festa del Cinema, che abbiamo tutti fortemente voluto – continua Borg- ci ha portato fortuna, e ha fatto emergere una grande voglia di cinema al cinema che dobbiamo favorire in tutti i modi. Il futuro che ci aspetta è pieno di novità, prima fra tutte la completa digitalizzazione delle sale, ma anche la crescita del numero di prodotti nazionali, che sembra molto rilevante a guardare i listini. Altro obiettivo è quello di raggiungere al più presto un mercato che sviluppi tutte le sue potenzialità nell’arco dell’intero anno”.
“Quello con Ciné si conferma un appuntamento importante – dichiara Lionello Cerri, presidente ANEC – perché permette all’industria cinematografica di avere nel corso dell’anno una seconda occasione, insieme alle Giornate Professionali di Cinema, di confronto e di collaborazione. Il dialogo tra i vari comparti del settore è fondamentale per proseguire nel lavoro che ci ha consentito di avere quest’anno un incremento delle presenze, anche se lieve, che ci auguriamo aumenti ulteriormente nei prossimi mesi. Perché ciò avvenga occorre che lo Stato ci metta nelle condizioni di andare avanti su questa strada, investendo nel settore. Invece le risorse pubbliche continuano ad essere ridotte: ne è una dimostrazione il recente taglio al tax credit che si aggiunge a quello apportato al FUS. La cultura è centrale per il nostro paese, e non soltanto a parole: servono fatti”.
Carlo Bernaschi, presidente ANEM, commenta il senso della manifestazione: “Dopo le due passate edizioni che hanno avuto ottimi riscontri, siamo convinti che anche quest’anno i risultati saranno positivi. Tra le novità, particolarmente interessante l’idea di organizzare workshop e incontri aperti a tutti i tecnici e addetti delle sale: sarà un’occasione importante di crescita professionale. Più in generale, la manifestazione sarà un’ottima opportunità per dialogare con i nostri partner di filiera e visionare il prodotto che uscirà nei prossimi mesi. Sarà però anche il momento per affrontare i problemi del settore, primo fra tutti quello dei tagli alle risorse pubbliche che continuano ad essere inferti al cinema e che rischiano di colpirlo gravemente”.
E proprio al taglio del tax credit sarà dedicato l’incontro con le Associazioni, gli autori, i sindacati, il 3 luglio alle 11,30, durante il quale saranno annunciate le iniziative di protesta e di mobilitazione dei prossimi mesi.
La prossima edizione di Ciné vedrà anche una serie di workshop e incontri a cui potranno partecipare non solo gli esercenti, ma anche tutti i tecnici e gli addetti ai lavori che operano all’interno dei cinema.
In programma, nella mattinata del 2 luglio, anche il workshop “Spinte e contrappesi della multiprogrammazione” che riunirà esercenti, distributori e produttori per confrontarsi sullo stato della multiprogrammazione, intesa come pluralità e diversificazione di spettacoli cinematografici e offerta di contenuti alternativi.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy