Age chiama Mario

Dal 19 luglio a Pescasseroli, torna il premio dedicato ad Agenore Incrocci: nel segno di Monicelli, con Celestini e Cortellesi ospiti
6 Luglio 2011
Age chiama Mario
Agenore Incrocci e Mario Monicelli

Arriva la seconda edizione del Premio Age, l’omaggio al celebre sceneggiatore Agenore Incrocci che si tiene dal 19 al 24 luglio a Pescasseroli, la bella cittadina nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise dove Age ha trascorso buona parte della vita in alternanza alle sedi della sua attività romana. Il gruppo di lavoro e celebrazioni dell’autore indimenticabile di L’armata Brancaleone, La grande guerra, C’eravamo tanto amati e cento altri titoli, è guidato da due altri importanti ospiti fissi di Pescasseroli, Ettore Scola e Dacia Maraini, membri della giuria che ha selezionato 6 film in concorso tra quelli usciti nella scorsa stagione, opere prime o seconde di impianto tematico e linguaggi ascrivibili alla Commedia.
Lo spirito della manifestazione si richiama ovviamente alla brillante stagione della Commedia all’italiana di cui Age, spesso in coppia con Scarpelli, è stato l’indiscusso artefice e testimone. Spiccano in questa seconda edizione una scelta di film dedicati ad Age ed uno speciale tributo molto “ravvicinato” al regista forse più caro allo sceneggiatore, Mario Monicelli: Brancaleone alle crociate, I soliti Ignoti, Romanzo Popolare, Il medico e lo stregone. Inoltre verrà aperta per la prima volta al pubblico, dopo la sua scomparsa nel 1975, la bella abitazione di Age a Pescasseroli, una memoria intatta di scritti, foto, un curatissimo giardino, angoli intimi e sale di spassosi giochi e passatempi fra i quali troneggia il gran biliardo dove quasi ogni sera i tanti ospiti si affrontavano tra sfottò micidiali e battute beffarde. Ricorda con affetto Dacia Maraini: “La cucina funzionava poco. Ma le porte erano sempre aperte per chi volesse giocare a boccette. La casta sala da pranzo era quasi interamente occupata da  un grande tavolo verde. Il suo divertimento erano quelle boccette di avorio colorato. Di cui era un raffinato conoscitore, bravissimo nei colpi di sponda. Ma non ci teneva a vincere. Si dedicava, con fare paterno e una grande pazienza, a insegnare l’arte del colpire le bocce, agli amici che non sapevano  giocare.”
Nei 6 giorni  del Premio il programma comprende inoltre concerti live di colonne sonore e musica da banda, performance  di ospiti d’eccezione introdotti da Simona Marchini (previsti Paola Cortellesi, Stefania Sandrelli, Ascanio Celestini tra gli altri), una mostra fotografica e un ampio video biografico su Age realizzato da Riccardo Milani, Silvia Scola e Patrizia Ceresani.
L’auspicio dei promotori è che da Pescasseroli, grazie al Premio Age, si possano illuminare di luce nuova i temi, le origini, l’ eredità e i destini della vecchia e nuova commedia italiana.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy