SE FOSSI DEPUTATO

ITALIA - 1949
Angelino Angelini e un giovane provinciale, che vive a monte Capra con due zie ricchissime, delle quali è il beniamino. Angelino sogna di dedicarsi al cinema, mentre le zie vorrebbero fare di lui un deputato. Diviene infatti candidato del partito conservatore e in tale qualità è inviato a Roma, con un grossissimo gruzzolo nella valigia. Ma a Roma l'ingenuo Angelino s'imbatte in un astuto produttore cinematografico, che lo convince a finanziare un suo film. Finiti i danari, Angelino, con sempre nuovi trucchi, riesce a carpire alle zie notevoli somme. Hanno luogo le elezioni: tra gli eletti c'è: un tale Angelino Angelini, esponente del partito socialista agrario della Sicilia. Le zie credono si tratti del nipote e il paese prepara grandi feste al pseudo deputato. Ma a complicare la situazione interviene l'autentico onorevole Angelini, il quale minaccia di turbare le manifestazioni dedicate all'omonimo imbroglione. Angelino non si perde d'animo e riesce ad imbarcare su di una zattera il deputato, che arriva malconcio a Roma. Questo provoca nuove complicazioni: malgrado i più audaci trucchi, la verità viene infine a galla e Angelino torna pentito alle zie, che gli perdonano.
  • Durata: 90'
  • Genere: SATIRICO
  • Produzione: BUCCI FILM - HERALD PICTURES
  • Distribuzione: BUCCI FILM - HERALD

CRITICA

"Marchesi e Metz hanno prodigato le loro trovate in questa storiella senza pretese. La trama si prestava però a ben altro svolgimento satirico, ma il film è stato realizzato con pochi mezzi e a gran velocità, sembra. Simonelli ha diretto sfruttando come meglio poteva il poco che aveva a disposizione". (m.g. "Intermezzo", n. 21 del 15/11/1949).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy