Il testimone invisibile

ITALIA - 2018
3/5
Il testimone invisibile
Adriano Doria, un giovane imprenditore di successo, si risveglia in una camera d'albergo chiusa dall'interno accanto al corpo senza vita della sua amante, l'affascinante fotografa Laura. Viene accusato di omicidio ma si dichiara innocente. Per difendersi, incarica la penalista Virginia Ferrara, famosa per non aver mai perso una causa. L'emergere di un testimone chiave e l'imminente interrogatorio che potrebbe condannarlo definitivamente, costringe Adriano e l'avvocato Ferrara a preparare in sole tre ore la strategia della sua difesa e a cercare la prova della sua innocenza. Spalle al muro, Adriano sarà costretto a raccontare tutta la verità.
  • Durata: 102'
  • Colore: C
  • Genere: THRILLER
  • Produzione: ROBERTO SESSA PER WARNER BROS. PICTURES, PICOMEDIA
  • Distribuzione: WARNER BROS. PICTURES
  • Data uscita 13 Dicembre 2018

TRAILER

RECENSIONE

di Giulia Lucchini
L’amante di un giovane imprenditore di successo viene trovata morta nella stanza di un albergo sperduto tra le montagne. Accusato di omicidio, l’uomo si dichiarerà innocente. Avrà 180 minuti per preparare la sua difesa insieme a una famosa penalista, nota per non aver mai perso una causa in vita sua.

E’ questo l’incipit dell’appassionante thriller diretto da Stefano Mordini (Pericle il neroAcciaio) che vede protagonisti nei panni della coppia di amanti Miriam Leone e Riccardo Scamarcio. Un giallo perfetto che dà vita a tre versioni differenti della verità, tutte esattamente possibili in ogni particolare perché come dice l’avvocato (Maria Paiato) del giovane imprenditore: “sono i dettagli a fare la differenza”, e il regista questo ammonimento lo ha preso alla lettera.

Continui cambi di scena e di prospettiva. Tanti punti di vista plausibili. Un’ambientazione pazzesca nel cuore delle montagne del Trentino. Un buon cast composto tra gli altri anche da Fabrizio Bentivoglio. Tutto questo fa de Il testimone invisibile un bel film che sorprende nel panorama del cinema italiano dove i film di genere, soprattutto i thriller, difficilmente appassionano e inoltre raramente escono a ridosso delle vacanze natalizie. In realtà si distingue soprattutto per la sceneggiatura, scritta dallo stesso Mordini insieme a Massimiliano Catoni: non totalmente originale. Il film infatti è un remake dello spagnolo Contratiempo (2016) del catalano Oriol Paulo (proprio ora su Netflix) e l'aderenza con questa pellicola è quasi speculare (perfino l'acconciatura dell'avvocato è identica).

Insomma questo film, tutto giocato sul duplice binario dell'innocenza nella colpevolezza e viceversa, è anch'esso un doppio di qualcos'altro. Ma, mettendo da parte le origini, alla fine Il testimone invisibile con il suo enigma sulla dinamica dell'assassinio, un po' alla “Cluedo”, il gioco da tavola che riproduce l'atmosfera dei gialli, si rivela nel complesso una piacevole sorpresa.

NOTE

- REALIZZATO IN COLLABORAZIONE CON TRENTINO FILM COMMISSION.

- CANDIDATO AL DAVID DONATELLO 2019 PER: MIGLIORE SCENEGGIATURA NON ORIGINALE.

- CANDIDATO NASTRI D'ARGENTO 2019 PER: MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA (RICCARDO SCAMARCIO), MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA (MARIA PAIATO).

CRITICA

"Copiato bene il giallo iberico (...). Thriller ricco di colpi di scena, capace di sorprendere ad ogni scena. Peccato, però, sia il remake identico del film spagnolo Contrattempo, visibile su Netfiix." (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 13 dicembre 2018)

"Alla fiera dei colpi di scena colpevole o innocente? Se uno vuole, qui ci trova il bigino di omissioni, simulazioni, false piste, inversioni, menzogne, flashback infedeli eccetera della storia del thriller, da Hitchcock a Mamet. Il problema è che, già in sceneggiatura, sono pigiati tutti insieme in una sorta di freezer emotivo per fare postmoderno. (...) Spreco di buone energie se lo spettatore si chiede: ma davvero un vip va a ficcarsi in un casino simile per un cervo che attraversa la strada e provoca il morto? La montagna partorisce il topolino." (Silvio Danese, 'Nazione-Carlino-Giorno', 13 dicembre 2018)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy