E tanta paura

ITALIA - 1976
E tanta paura
Il commissario Lorenzo, giovane e disinvolto funzionario della Questura di Milano, si trova alle prese con una catena di delitti: Mattia, Laura, Elvira, e molti altri giovani. L'unica traccia è costituita dal libro di favole "Pierino Porcospino" dalle pagine del quale sono tratte le illustrazioni che l'assassino lascia accanto alle vittime. Un altro elemento viene offerto al commissario dal fatto che le prima vittima era socio del Club "Amici della Fauna", soliti raccogliersi a Villa Hoffman dove è morta in circostanze sospette una certa Rosa. Ma quando Lorenzo cerca di mettersi in contatto con il commissario Del Re di Como, incaricato della indagini del caso, non solo scopre che se ne sono perse le tracce ma anche che sono stati fatti scomparire i documenti relativi. Nonostante la fotomodella Jeanne, divenuta nel frattempo sua amante, gli esponga dei particolari sulle "festicciole" di Villa Hoffman e Lorenzo arresti Agostino, un protettore, questo risulta innocente poiché la catena di delitti riprende. Chi sarà il vero colpevole?
  • Durata: 95'
  • Colore: C
  • Genere: GIALLO
  • Specifiche tecniche: VISTAVISION, TECHNICOLOR
  • Produzione: GUY LUONGO PER GPE ENTERPRISES, CPC CITTA' DI MILANO
  • Distribuzione: INTERFILM - VIDEO KINEO
  • Vietato 18

CRITICA

"Nonostante i grotteschi accenni a Lombroso, alle dottrine del superuomo o del fascismo, il film è un mosaico artificioso e del tutto cerebrale. Il materiale raccolto per comporre le scene è purtroppo di una scottante attualità: prostituzione, violenza, droga, contrabbando di diamanti, vizi e delitti in ville patrizie; tuttavia la non credibilità della vicenda impedisce al lavoro di assumere valori di denuncia o di scottante documento." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 83, 1977)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy