Vincenzo Salemme

BACOLI, Napoli (Italia), 24 Luglio 1957
 

BIOGRAFIA

Vincenzo Salemme
Attore e regista. Decide di dedicarsi alla professione di attore nel 1976 e viene scritturato nella compagnia di Tato Russo. Nel 1977 si trasferisce a Roma dove si inserisce nella compagnia di Eduardo De Filippo, con cui collabora stabilmente fino al 1992 (dopo la morte di Eduardo la compagnia prende il nome del figlio Luca). Nel 1990 fonda l'Associazione Culturale Emporio Teatro, in seguito chiamata 'Chi è di scena', che produce i suoi primi spettacoli. Ha scritto e interpretato: "Sogni, bisogni, incubi e risvegli" (1990), "A chi figli e a chi figliastri" (1991), "Lo strano caso di Felice C." (1992), "Passerotti o pipistrelli?" (1993),"Fatti unici per atti comici" (1994), "La gente vuol ridere" (1993), "E fuori nevica" (1995), entrambi scritti insieme a Francesco Paolantoni, "Io & lui" (1996, che oltre a Paolantoni vede tra i protagonisti Giobbe Covatta), "Pazza d'amore" (1996, con Marisa Laurito), "Fiori di ictus" (1996), "L'amico del cuore" (1997), "Di mamma ce n'è una sola" (1999), "Sogni e bisogni" (2001). L'incontro con il cinema nasce grazie alla buona amicizia con Nanni Moretti, che gli affida dei ruoli in "Sogni d'oro", "Bianca" e "La messa è finita". Nello stesso periodo appare ne "Il tuffo", di Massimo Martella. Nel 1998 esordisce dietro la macchina da presa con "L'amico del cuore". Da allora, pur continuando l'attività teatrale che lo ha visto ottenere più volte il record di incassi stagionali in Italia, ha seguitato a scrivere, dirigere e interpretare per lo schermo numerose commedie che hanno sempre il loro seguito di spettatori affezionati.

FILMOGRAFIA

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy