Cannes, Netflix ha già diviso la Giuria

Ancora non è iniziato il concorso del 70°, ma la bagarre infuria. Botta e risposta tra il Presidente Almodovar e il giurato Will Smith sulla "questione Netflix"
Cannes, Netflix ha già diviso la Giuria
La Giuria di Cannes 70 - Foto Pietro Coccia

La polemica dei giorni scorsi relativa alla questione Netflix sembra non terminare più, anzi. Com’era prevedibile, la querelle riguardo la mancata distribuzione in sala dei film portati a Cannes dal colosso USA non poteva non caratterizzare i giorni del Festival. Che, di fatto, ancora non è iniziato (la cerimonia d’inaugurazione è tra qualche ora con il film d’apertura Les fantomes d’Ismael di Arnaud Desplechin), ma ha già in qualche modo avuto i suoi “verdetti”.

Sì, perché durante la conferenza di presentazione della giuria, terminata poco fa, il presidente Pedro Almodovar non ha utilizzato mezzi termini: “Ritengo paradossale dover assegnare la Palma d’Oro, o qualsiasi altro premio, ad un film che poi non potrà essere visto nelle sale”.

 

Una dichiarazione bomba, che sicuramente farà scendere più di qualche gradino (per usare un eufemismo) le quotazioni dei due film in gara targati proprio Netflix, ovvero The Meyerowitz Stories di Noah Baumbach e Okja di Bong Joon-Ho.

Chissà però se in loro “soccorso” basteranno le parole dell’altro giurato, Will Smith, diametralmente opposte a quelle del presidente: “Ho tre figli, che vanno dai 16 ai 24 anni, e vanno almeno due volte alla settimana al cinema. Allo stesso tempo, in casa abbiamo Netflix, strumento che da quando è arrivato non ci ha tolto nulla ma che, al contrario, ci ha portato solo benefici, di fatto ampliando per i miei ragazzi la comprensione cinematografica a 360°, visto che ormai la linea di demarcazione tra la sala e la proposta Netflix si è di fatto azzerata”.

 

La bagarre è appena iniziata, dunque. Chissà che, al più presto, non arrivi una nuova “nota” dall’organizzazione del Festival per cercare di stemperare la questione. Non foss’altro, per provare a garantire ai 18 film in concorso di partire tutti con le stesse possibilità. Senza pregiudizi ideologici di sorta che, crediamo, con la qualità artistica di un’opera dovrebbero avere poco a che fare.

Per la cronaca, il resto della giuria è composta da Agnes Jaoui (“Dobbiamo capire che il mondo va avanti, non possiamo fermare la tecnologia, semmai rivedere i criteri e le tempistiche con cui i film vanno prima in sala e poi in tv), Jessica Chastain, Paolo Sorrentino (che sulla questione Netflix non si è espresso), Maren Ade, Park Chan-wook, Fan Bingbing e Gabriel Yared.

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy