L’ora di Bellocchio

Attesa e speranze per Il regista di matrimoni in Un certain regard: primo italiano in gara sulla Croisette
19 Maggio 2006
L’ora di Bellocchio

Grande attesa a Cannes per Il regista di matrimoni. Primo degli italiani in cartellone, il film di Marco Bellocchio sarà oggi presentato alla stampa nella sezione Un Certain Regard. Ad alimentare aspettative e speranze, spessore e qualità di una pellicola con cui il regista sembra toccare vette inesplorate del suo stesso cinema. Una cifra stilistica, per di più, che potrebbe risultare particolarmente gradita ai palati cinéphiles della giuria del festival. Come già da quarant’anni, Bellocchio torna a fare del cinema il terreno privilegiato per la ricerca della sua identità di uomo e artista. Ne è un’ulteriore prova Il regista di matrimoni, opera quanto mai intima, al limite dell’autobiografico, eppure sorprendentemente aperta al mondo esterno. La storia, niente più che un pretesto. A corto d’ispirazione, un maestro del cinema impegnato nell’ennesima trasposizione dei Promessi sposi approda in Sicilia per trovare un po’ di pace. Incontra un mestierante che vive filmando cerimonie e tramite lui accetta di dirigere il film delle nozze di Bona, principessa triste. Se ne innamora al primo incontro, ricambiato. Peccato che il padre della sposa, sull’orlo della bancarotta, l’abbia promessa a un ricco notaio e quindi non veda la cosa di buon occhio. Insomma, rovesciando Manzoni, questo matrimonio si deve fare. Quello che conta, nell’architettura complessiva, è l’emergere del potere della ribellione sull’ineluttabilità del destino. Nulla è segnato, purché si abbia il coraggio di fuggire. Alla fine fuggono anche Franco e Bona, regalandosi un futuro che sembrava impossibile. E’ la luce al termine del viaggio. Una luce ricercata durante tutto il film e che si riflette nella fotografia straordinaria come nei tagli di inquadrature scelti da Bellocchio. Immagini che restituiscono costantemente i moti dell’anima e che fanno la differenza rispetto al mediocre cinema che circola. Merito, inutile dirlo, anche della bravura di Sergio Castellitto, passionale, toccante, quasi muto. E del fatto che il film parla di noi più di quanto siamo disposti ad ammettere. La Sicilia è l’Italia intera. Paese governato da morti, cioè da vivi senza più idee, come ossessivamente è ripetuto nel film.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy