Ciak tra gli Appennini

Al via tra Calestano e Berceto le riprese di La casa nel vento dei morti, opera seconda di Francesco Campanini
14 Giugno 2011
Ciak tra gli Appennini
Berceto

Sono iniziate tra Calestano e Berceto le riprese di La casa nel vento dei morti, opera seconda di Francesco Campanini che ne è anche produttore.
Ideato e sceneggiato da Luca Magri e Chiara Agostini, il film – siamo verso la fine degli anni ’40 – racconta le vicende di quattro disperati che, dopo aver compiuto una rapina in un ufficio postale, fuggono con il malloppo verso le montagne in cerca di rifugio. Durante la fuga sono costretti ad attraversare a piedi pianure, fiumi, boschi e località impervie. Pur nelle difficoltà, il loro piano di fuga procede come previsto, ma quando tutto sembra andare per il meglio la loro avventura si trasforma in un incubo da cui non riescono ad uscire.
Ambientato nell’Appennino parmense, il film sarà girato partendo dai pioppeti delle rive del Po per salire alle colline del Baganza. Si prevedono tre settimane di lavorazione, sino ai primi di luglio, quando ancora la luce sui monti è perfetta.
Il protagonista Luca Magri (Cielo e Terra, Il Solitario) interpreta il ruolo di un famoso e affascinante attore che, caduto in disgrazia, si trova costretto ad unirsi ad un gruppo di persone con passati discutibili pur di ritrovare i fasti di un tempo. Francesco Barilli, regista di film cult come Il profumo della signora in nero e Pensione paura, ha sposato con entusiasmo il nuovo progetto del giovane regista, che già lo aveva diretto ne Il solitario. Nina Torresi (La bellezza del somaro, Diciottanni – il mondo ai miei piedi) è stata scelta per il ruolo di Agnese perché aggiunge freschezza e spontaneità al film.
Per Francesco Campanini, La casa nel vento dei morti nasce “dal desiderio di voler valorizzare i luoghi in cui sono nato e cresciuto e in cui mi piacerebbe continuare a vivere e far cinema. Ho cercato di dar vita ad una storia che potesse essere in qualche modo riconducibile ad un periodo storico che ha segnato in maniera profonda questo territorio e la sua popolazione”. Continua il regista: “Rispetto al mio primo film, dove erano protagonisti la metropoli ed il mondo razionale, in questo prevalgono la natura, le passioni e l’istinto di sopravvivenza. Il noir diventerà così nero che trasformerà la speranza di una vita migliore nella voglia di sopravvivere”.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy