Non toccare la donna bianca

Touche pas à la femme blanche

ITALIA, FRANCIA - 1975
In un caffè parigino, il generale Terry e personaggi politici americani discutono sui danni effettuati dalla massiccia presenza di indiani di varie tribù e decidono di chiamare il gen. George A. Custer. Questi si presenta in assetto di guerra e, smanioso, vorrebbe attaccare Toro Seduto e i suoi ma viene trattenuto. Nel frattempo, spiati da un professore di antropologia nonché dalla guida indiana Mitch, gli indiani si armano; vengono effettuate repressioni e crudeli esecuzioni capitali. Custer, intanto, si innamora della crocerossina Marie-Hélène de Boismontrais. Toro seduto confida in un intervento di Nixon che eviterà la battaglia. Nel giorno fissato il gen. Custer, ripetendo gli errori della battaglia di "Little Big Horn" ove il Settimo Cavalleria rimase sterminato, non attende il congiungimento con il gen. Grant di cui è rivale, e attacca gli indiani che lo accerchiano con masse sapientemente disposte, ne sterminano completamente le forze e lo uccidono. Terry guarda da lontano e si affretta a vendere le azioni della ferrovia in costruzione. Gli indiani lasciano la grande vallata riversandosi a migliaia verso Parigi.

CAST

CRITICA

"La forza del film sta da un parte nel fatto che ricalca con sorniona fedeltà, ma in chiave satirica, il western classico con le sue risapute situazioni e i suoi convenzionali personaggi; e dall'altra, che la conquista del West è trapiantata nell'immensa voragine delle Halles, nella zoliana cornice di un quartiere ottocentesco e proletario. Da questa contaminazione geniale del colonialismo americano con le lotte sociali parigine nascono nel film gli effetti migliori." (Alberto Moravia, 'L'Espresso', 11 maggio 1975)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy