Mille lire al mese

ITALIA - 1938
Mille lire al mese
Un ingegnere specializzato in televisione ottiene un posto presso la Radio di Budapest, ma, per un fortuito incidente, schiaffeggia il Direttore Generale nel giorno stesso che doveva essere assunto. Poiché né l'uno né l'altro si conoscono, la fidanzata dell'ingegnere propone che un amico di lei si presenti al Direttore per assumere l'incarico, dopo di che il fidanzato potrà entrare in servizio. Le cose però non vanno così lisce: il Direttore, convinto che la persona da lui assunta sia realmente l'ingegnere fidanzato della ragazza, vuole assistere ai lavori che egli dirige. Ne nascono equivoci e incidenti, che assumono un ritmo sempre più dinamico finché tutto viene in chiaro.
  • Durata: 83'
  • Colore: B/N
  • Genere: COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: 35 MM (1:1.37)
  • Tratto da: un romanzo ungherese
  • Produzione: ETTORE ROSBOCH PER ITALCINE
  • Distribuzione: I.C.I.

NOTE

- GIRATO NEGLI STABILIMENTI SAFA.

CRITICA

"Andate a vedere questo filmetto: vi farete quattro risate. Lo ha diretto Neufeld, un regista tedesco che ha il dono di saper raccontare con brio e vivacissima sveltezza storie amene. [...] Più che la trama, in questa favola, contano le sorprese, le trovate, i contrattempi buffi che riempiono la situazione e non danno requie agli attori:dalla prima scena all'ultima. [...] La sorpresa del film è Alida Valli. [...] Ecco finalmente spuntare una stella nuova sul cielo nuvoloso della cinematografia italiana. Fresca, disinvolta, carina, pronta a capire e a farsi capire, con immediata intelligenza cinematografica. Ha un gioco di espressioni di una sincerità veramente rara alla quale purtroppo non siamo abituati". (Fabrizio Sarazani, 'Il Giornale d'Italia', 15 gennaio 1939)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy