LUCA IL CONTRABBANDIERE

ITALIA - 1980
Luca Ajello e suo fratello Michele sono possessori di diverse barche e motoscafi per il contrabbando delle sigarette a Napoli. Un giorno, perdono un carico con un danno di duecento milioni e, quello che è più grave, notano che gli equilibri tra boss sono stati turbati. Inizialmente sospettano che si tratti di un certo Sciarrino e Luca, dopo l'assassinio di Michele e di altri capi, lo affronta direttamente. Sciarrino, però, si dichiara innocente e, del resto, a sua volta fa una brutta fine per mano di ignoti. Luca allora affida la moglie Adele e il figlioletto Francuccio al suocero, don Morrone, e cerca di accordarsi con Luigi Squillante. La situazione appare più chiara, ma terribile quando, sequestrata la signora Adele, un certo François Jacquin, detto "'il Marsigliese", prende contatto con lui e chiede: all'Ajello di mettere i suoi mezzi di trasporto a servizio del contrabbando della droga di cui è il boss. Luca, cerca di reagire. La lotta, tuttavia, sarebbe impari se non scendesse in campo don Morrone, vecchio boss in pensione, il quale, richiamati intorno a sé tutti gli altri camorristi della sua classe, compie una strage.

CAST

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy