LETTERA NAPOLETANA

ITALIA - 1954
Franco De Rosa, magazziniere presso la ditta di gaetano Esposito, importatore di caffè, è segretamente promesso ad Anna, figlia del suo principale. Un socio della ditta, Alvaro Ramirez, giovane vizioso e subdolo approfittando dell'assenza di Esposito, induce la propria amante Laura, cassiera della ditta, a prelevare del denaro, di cui Alvaro si serve per tentare una losca speculazione. Si tratta di contrabbando di sigarette, ma il colpo non riesce e il denaro è perduto. Per occultare la sua colpa. Alvaro, dopo aver rubato dalla cassaforte alcuni milioni, inscena un finto furto con scasso. I sospetti della polizia si appuntano su Franco che, essendo uscito quella sera con Anna, non può presentare un alibi valido. Per farlo arrestare Alvaro fa caricare sigarette di contrabbando sul suo camion, poi manda alla polizia una denuncia anonima. Intanto è ritornato Esposito, al quale Anna, che aspetta un bambino, confessa la sua relazione Franco. Alvaro, per potersi impadronire dei denari di Esposito preferisce affrontare lo scandalo. Una sera, Laura, tormentata dal rimorso, confessa ad Esposito la propria colpa e quella d'Alvaro. Questi spara un colpo di pistola contro Esposito per impedirgli di denunciarlo; ma non riesce nel suo intento. Inseguito dalla polizia, il delinquente viene ucciso. Franco viene liberato e può riabbracciare Anna.
  • Durata: 92'
  • Genere: DRAMMATICO
  • Tratto da: DALLA CANZONE OMONIMA DI GIGI PISANO E GIUSEPPE CIOFFI
  • Produzione: FORTUNATO MISIANO PER ROMANA FILM
  • Distribuzione: SIDEN FILM

CRITICA

"Giacomo Rondinella, ricercato attore - cantante, è il protagonista di questo nuovo film ispirato alle bellezze e alle melodie di Napoli; un lavoretto nè migliore nè peggiore di tanti altri del medesimo genere". (U. TAni, "Intermezzo", n. 14/15 del 15/8/1952).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy