La fiammata

ITALIA - 1952
Poco prima dello scoppio della guerra franco-prussiana del 1870, nel castello dei Conti Stettin ha luogo un ricevimento. Sono ospiti il colonnello Felt, fratello della contessa Yvonne, e sua moglie Monica. Arriva improvvisamente il ministro Beaucourt, innamorato di Monica, il quale è stato un compagno d'armi del colonnello ed ora è, in politica, suo avversario. Beaucourt comunica al colonnello che i suoi piani per la fortificazione delle frontiere non sono stati accolti, provocando la vivace reazione di Felt. Approfittando di un momentaneo dissidio tra Felt e sua moglie, Beaucourt fa un'assidua corte a Monica. Intanto giunge al castello il banchiere Glogan, antico amante della contessa Yvonne, che in passato ha prestato grosse somme al colonnello. Poiché questi non è in grado di restituire il denaro, Glogan si dichiara disposto a cancellare il debito se il colonnello gli consegna i piani delle fortificazioni. Il colonnello gli consegna i piani delle fortificazioni. Il colonnello, indignato, uccide l'agente del nemico. Beaucourt vorrebbe trar partito dalla situazione per eliminare il rivale; ne prende le difese. Conosciuta la vera personalità di Glogan e le ragioni che hanno indotto Felt ad uccidere, Beaucourt rinuncia alla progettata azione contro il colonnello.
  • Durata: 100'
  • Genere: DRAMMATICO
  • Tratto da: dramma omonimo di Henry Kistemaekers
  • Produzione: CINES, EXCELSA FILM
  • Distribuzione: MINERVA FILM (1953)

CRITICA

"Il film, che deriva da un lavoro teatrale, risulta artificioso." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 32, 1952)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy