La congiuntura

ITALIA, FRANCIA - 1964
Il principe romano Giuliano Niccolini-Borgia, giovane e smaliziato play-boy, affascinato dalla bella straniera Jane decide di accompagnarla in Svizzera a bordo della sua automobile con targa diplomatica. In realtà Jane intende utilizzare il corteggiatore e le sue prerogative di diplomatico per trasportare in Svizzera, senza rischi, un'ingente somma di denaro. Il viaggio, non privo di contrattempi e di disavventure, si conclude felicemente oltre il confine, secondo il piano studiato dalla ragazza. Ma quando Giuliano scopre l'inganno di Jane, che nel frattempo fugge con la macchina, la insegue e riesce a raggiungerla proprio mentre sta consegnando il denaro a una banda di contrabbandieri. Il principe riuscirà rocambolescamente a sgominare la banda finendo per conquistare definitivamente anche la bella Jane.

CAST

NOTE

- PRESENTATO AL XIII FESTIVAL DI SAN SEBASTIAN (1965).

- DAVID DI DONATELLO 1965 A VITTORIO GASSMAN COME MIGLIORE ATTORE (EX AEQUO CON MARCELLO MASTROIANNI PER "MATRIMONIO ALL'ITALIANA" DI VITTORIO DE SICA).

CRITICA

"E' il risultato di un paziente lavoro di artigianato cinematografico; gli autori (...) hanno creato situazioni e gags seguendo una sperimentata tecnica ormai di dominio pubblico (...). La tecnica si ispira a certi film americani del genere (...) con vecchietti agguerriti e svaniti (...), acrobatiche scazzottature e furibondi inseguimenti (...). Però bisogna riconoscere (...) che è congegnato bene, scatta nei momenti giusti e tiene desta l'attenzione (...). Ma il vero mordente di tutto il film (...) sta nella scatenata interpretazione di Gassman (...) alla sua bravura di attore unisce eccezionali qualità di acrobata (...)." (Ercole Patti, "Il Tempo", marzo 1965).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy