Guendalina

ITALIA, FRANCIA - 1957
Guendalina
Guendalina, una ragazza giovanissima figlia di un ricco ingegnere, trascorre le vacanze al mare, a Viareggio insieme ai genitori. E' attorniata da amici spensierati e da corteggiatori galanti, in famiglia accontentano ogni suo capriccio, ma Guendalina ha un carattere scontroso e autoritario. I suoi genitori, Francesca e Guido, ancora giovani, non vanno d'accordo, e lei rimprovera a lui le numerose avventure extraconiugali. Benché la madre tenti di farle capire le sue ragioni, Guendalina si schiera apertamente dalla parte del padre, da cui ottiene sempre tutto ciò che vuole. Alla fine delle vacanze, mentre tutti gli amici sono già tornati in città, Guendalina comincia ad accorgersi delle attenzioni che le presta Oberdan, un timido studente di architettura. I due iniziano a frequentarsi assiduamente e a parlare di tutti i loro problemi. Una sera Guendalina si ferma a casa di Oberdan per aiutarlo a studiare e quando torna a casa, trova i suoi genitori in preda alla preoccupazione. Sarà l'amore per lei a fare capire a Francesca e Guido quanto sia importante la famiglia e Guendalina potrà tornare a casa tranquilla, con la morte nel cuore per aver lasciato Oberdan a Viareggio.
  • Durata: 103'
  • Colore: B/N
  • Genere: ROMANTICO
  • Produzione: CARLO PONTI CINEMATOGRAFICA, CEI INCOM (ROMA), LES FILMS MARCEAU (PARIGI)
  • Distribuzione: CEI INCOM

NOTE

- NASTRO D'ARGENTO PER IL MIGLIOR SOGGETTO E SCENEGGIATURA.

- DAVID DI DONATELLO 1957 TARGA D'ORO AD ALBERTO LATTUADA.

CRITICA

"Per me è il migliore di Lattuada: è l'opera in cui, forse per effetto di quella decantazione della maturità, senza perdere nulla delle sue doti, emerge per la prima volta nella sua regia, prima sempre un po' troppo puntualizzata e pedante, il senso di una nuova aderenza alla vita [...]. Per trovare nel nostro cinema personaggi giovanili presentati con tanta freschezza, tanta intelligenza, tanta tenerezza e malizia bisogna risalire addirittura alle 'Ragazze di San Frediano'. E' giusto rilevare che anche l'autore del soggetto originale di 'Guendalina' è Valerio Zurlini. Non succede mai niente per caso". (Filippo Sacchi, "Al cinema col lapis", 1958, Mondadori).

"Graziosa e astuta commedia di Valerio Zurlini, che ricama con grande freddezza psicologica sui primi tormenti sentimentali di un'adolescente inquieta e sull'ipocrisia della coppia tipo, interessata solo alla facciata. E anche come scopritore di talenti non ha eguali: vedere per credere la deliziosa esordiente francesina Jacqueline Sassard come surclassa l'insulsa Sylva Koscina". (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 21 novembre 2000)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy