Gente di rispetto

ITALIA - 1975
Gente di rispetto
Graziosa e spregiudicata, una giovane maestra elementare, dopo diversi trasferimenti dovuti al suo anticonformismo, giunge a Ragusa dove l'accolgono la diffidenza del direttore didattico, l'amore seminascosto di un collega incapace di reagire e una decina di alunni soltanto. Un ragazzo che le fa la corte, viene trovato morto nella piazza principale della città. La maestrina viene trattata da tutti come se fosse una "misteriosa potenza": viene circondata da esagerato rispetto e viene messa in movimento per lei persino la macchina politico-amministrativa, per il varo di una "legge speciale" di riforma edilizia. Ma è proprio questa conquista, a insospettirla. Elena, riesce a fatica a individuare in un barone del luogo il suo protettore, l'anima nera che si è servita di lei. Ormai però è troppo tardi...
  • Altri titoli:
    Werkzeug der Mächtigen
    The Flower in His Mouth
    The Masters
    The Schoolmistress and the Devil
  • Durata: 115'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: PANORAMICA, TECHNICOLOR
  • Tratto da: libro omonimo di Giuseppe Fava (ed. Bompiani)
  • Produzione: CARLO PONTI PER COMPAGNIA CINEMATOGRAFICA CHAMPION
  • Distribuzione: GOLD - GALA FILM INTERNATIONAL VIDEO, VIVIVIDEO, GENERAL VIDEO

CRITICA

"[...] Il film si snoda lungo un suasivo filo giallo. Zampa, tuttavia, doveva attenersi a toni neutri, foschi e lividi senza eccedere, come fa, in spiegazioni facili, in inserti folcloristici o in incursioni verso zone 'gotiche' [...]. Il regista colorisce, spesso, più del necessario. E, con troppa frequenza, sentenzia come ogni bravo continentale che arrivi sull'isola. Ma, pur sottraendosi con difficoltà a una impressione di 'recitato', di romanzesco,. 'Gente di rispetto' resta racconto 'avvincente' e non futile". (Francesco Bolzoni, "La Rivista del Cinematografo", 11 dicembre 1975).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy