Cinque figli di cane

ITALIA - 1969
In America al tempo del proibizionismo, Grim Doel, fattosi a bella posta incarcerare, riesce a far evadere dal penitenziario quattro detenuti - "l'Irlandese", Moncio, il negro Geremia e "l'Ingegnere" e li conduce nella sede di un'organizzazione per lo spaccio clandestino di alcool. Per cinquemila dollari a testa, i quattro accettano, agli ordini di Doel, di distruggere la distilleria di una gang concorrente - quella di Sir Louis Baimont - situata nell'ex monastero di San Salvador nell'isola del Gabbiano. Dopo aver reclutato, in una casa di malaffare, una ragazza, Letizia, indispensabile ai fini del colpo, Grim decide di farsi precedere da Geremia, con l'incarico di spianargli la strada. Avendo scoperto che Baimont, informato da un traditore, si prepara ad accoglierlo, decide di giocare di sorpresa, attaccando il monastero una settimana prima del previsto. Presentandosi come infermiera Letizia si fa assumere al servizio di Sir Louis e scopre che Geremia è stato smascherato e torturato perché rivelasse i nomi dei suoi compagni, e infine imprigionato nei sotterranei del convento. Mentre Grim e gli altri, sopraffatti numerosi posti di blocco raggiungono il monastero, Letizia libera Geremia. Nonostante l'accanita resistenza degli sgherri di Sir Louis, gli uomini di Grim Doel riescono a distruggere la distilleria. Nell'azione, il negro, "l'Ingegnere" e Moncio perdono la vita. Grim rivela allora all'"Irlandese" di essere un agente di polizia, e lo informa che, per il servizio reso, il resto della pena gli è stato condonato.

CAST

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy