Certo, certissimo, anzi... probabile

ITALIA - 1969
Certo, certissimo, anzi... probabile
Marta, telefonista in prova, e Nanda, manicure, vivono assieme, pagando le spese a metà, in un piccolo alloggio. Aspirando più che al matrimonio all'amore assoluto, Marta vuole provare in anticipo gli uomini di cui s'innamora, mentre Nanda, che mira al matrimonio, cerca di portarglieli via, anche se invano. Stanca di una tale situazione, Marta abbandona l'amica e, avuta la fortuna di incappare in un gentile tappezziere, Pietro, accondiscende a sposarlo. Trascorsi teneramente i primi giorni di vita coniugale, giunge in casa un ospite inatteso, Henry, un americano amico di Pietro, il quale non accenna ad andarsene. Gli immaginabili inconvenienti di una tale presenza, finalmente, convincono anche Pietro che Henry deve andare via. Da qualche frammento della conversazione tra i due - a dire il vero, Henry, più che parlare, si dispera - Marta intuisce che tra Pietro e l'americano c'era stato, prima del matrimonio, qualcosa di più di un'amicizia. Henry, comunque, se ne va, e alla moglie inorridita Pietro giura di essere tutto per lei: ma non è vero, e quando Marta s'accorge che il marito non regge al distacco da Henry, lascia che i due partano assieme, per un giro in barca attorno al mondo. A Marta e a Nanda non resta altro che tornare ad abitare insieme.
  • Durata: 120'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: TECHNICOLOR
  • Tratto da: racconto "Diario di una telefonista" di Dacia Maraini
  • Produzione: SILVIO CLEMENTELLI PER CLESI CINEMATOGRAFICA, FINANZIARIA SAN MARCO
  • Distribuzione: EURO INTERNATIONAL FILM
  • Vietato 14

NOTE

- STUDI CINECITTA'

- PRESENTATO AL XVIII FESTIVAL DI SAN SEBASTIAN (1970)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy