Celebrity

USA - 1998
A New York Lee Simon, giornalista quarantenne, è in un momento delicato della propria vita privata e professionale. La sua attività si svolge nel mondo dello spettacolo, della moda, della società mondana e intellettuale: vorrebbe uscire dalla routine e progetta un romanzo, la cui scrittura però va avanti molto lentamente. Ha anche una sceneggiatura che cerca di sottoporre all'attenzione di molti, tra cui il famoso attore Brandon Darrow che lo porta con sé per un pomeriggio, passato tra un incontro di boxe e un altro con alcune ragazze disponibili, e infine lo liquida, dicendogli di richiamare il suo agente. Lee è sposato con Robin ma il loro matrimonio è in crisi e lui le dice che vuole separarsi. Robin stenta a riprendersi dal duro colpo, finché nello studio di un medico incontra Tony Gardella, produttore televisivo, che la invita ad uscire. I due cominciano a frequentarsi, Tony esorta Robin ad impegnarsi nel settore televisivo, e lei, dopo alcune incertezze, comincia a curare qualche trasmissione, fino ad avere un grande successo. Anche quando Tony le chiede di sposarsi, Robin in un primo momento esita, ma poi si decide e i due poco dopo sono in attesa di un figlio. Lee, invece, non sa bene cosa fare: segue l'attrice Nicole, cerca di avvicinare una modella, comincia una convivenza con Bonnie, ma il giorno stesso in cui lei decide di trasferirsi, lui le dice che non l'ama più, perché attratto da Nola, una giovane attrice. Bonnie prende il manoscritto di Lee e lo getta in mare. Una sera, alla prima del film di un regista di successo intervengono tutti i nomi di successo, e Robin è tra questi. Nelle prime immagini della pellicola, appare in cielo la scritta " help".

CAST

NOTE

- REVISIONE MINISTERO DICEMBRE 1998.

- IL FILM HA 242 INTERPRETI E 5.128 COMPARSE.

- DI CAPRIO, IN UN CAMEO DI 8', DISTRUGGE UNA STANZA CHE SI TROVA ALL'HOTEL STANHOPE.

CRITICA

"Il 28mo film di Woody Allen come regista (qui, come in altre occasioni, non compare come attore) si svolge, come di consueto, sullo sfondo di New York, e mette a fuoco il fenomeno della 'celebrità' nelle sue varie sfaccettature e nelle differenti reazioni che innesca su vari tipi di personaggi. Il piccolo/grande universo di Allen è sempre lo stesso: la società dello spettacolo e quella intellettuale a metà tra impegno e mondanità, un universo dove le parole d'ordine sono, più che il denaro, l'immagine, l'essere in qualche maniera riconosciuti e quindi avere successo. Tutta questa fatica si paga poi in termini di estrema difficoltà nel gestire i rapporti privati e affettivi, nell'incertezza su quale sia la scelta giusta da fare. Il protagonista Lee è una proiezione dello stesso Allen, (oggi 63enne), venti anni prima: i tic, i balbettamenti, le continue indecisioni, il libro da scrivere, i vernissage da frequentare, la dimensione sessuale sempre confusa con quella sentimentale. La scritta 'help' apre e chiude il film. Sembra quindi che Allen voglia chiedere aiuto per i propri problemi senza soluzione. E certo di questa società cultural-mondana Allen denuncia la superficialità, la vacuità, la leggerezza sul piano umano ma, dal lato opposto, la vede ancora come una sorta di rifugio, di luogo in cui si sente protetto e di cui non può più fare a meno." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 127, 1999)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy