Bianco, rosso, giallo, rosa

ITALIA - 1964
GIALLO: Anonima suicidi - Un industriale fallito, non avendo il coraggio di suicidarsi, prega un amico - ch'egli crede affiliato ad una associazione di assassini - di ucciderlo su ordinazione. Nell'attesa il candidato alla morte torna ad essere ricco per una fortuita combinazione d'affari. Vorrebbe disdire il lugubre contratto, ma l'amico è introvabile. Ossessionato, l'industriale finirà col perire incidentalmente. BIANCO: Il primo ... - Un giovane fannullone, sotto l'effetto di una droga, ha un incubo angoscioso: crede d'essere in stato interessante. ROSSO: L'incastro - Un veterinario cerca di conquistare, con falsa promessa di matrimonio, un'avvenente contadina. Fugge però a gambe levate quando viene avvertito della sorte riservata dalla donna ai mancatori di parola. ROSA (antico): Veni, vidi, vici. - Apollodoro, per sfuggire all'ira di Nerone, si rassegna a sposare una brutta ma ricca vedova, ripromettendosi qualche consolatoria avventura con le giovani schiave di lei.
  • Durata: 115'
  • Colore: C
  • Genere: COMICO, COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: BIANCO NERO E TECHNICOLOR
  • Produzione: FRANCESCO MAZZEI PER ALMA FILM
  • Distribuzione: TITANUS

NOTE

- FILM A EPISODI: "BIANCO - L'INTRIGO" - "GIALLO - ANONIMA SUICIDI" - "ROSSO - L'INCASTRO" - "ROSA - VENI, VIDI, VICI"

CRITICA

"Oggi, purtroppo, c'è anche chi esordisce (nel lungometraggio) a questo modo. Ogni sforzo per pervenire a qualcosa di intelligente pare vano e ci si lascia sommergere da un mare di banalità e volgarità. Peccato". (Anonimo, "Cinema Nuovo", 174, mar/apr. 1965).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy