Anonima cocottes

ITALIA - 1960
Robotti è un onesto impiegato di banca, che, chiamato a sostituire il cassiere, scopre un ammanco di parecchi milioni. Tanto il direttore della banca che il presidente sembrano essere perfettamente informati della grave irregolarità e lo invitano a non preoccuparsene, offrendogli persino un milione per indurlo a chiudere un occhio. Ma Robotti respinge la proposta e viene licenziato. Il casuale incontro con Jane, ragazza di facili costumi porta un rivolgimento nelle sue idee: egli accantona i propositi ispirati a sdegnosa integrità, e con l'aiuto di Jane e di altre mondane inizia delle operazioni di borsa che hanno esito felice. Mediante abili e fortunate manovre, i due riescono ad avere nelle mani la maggior parte delle azioni della banca, dalla quale l'onesto cassiere era stato cacciato. Diventato ricco Robotti, che nel frattempo è passato attraverso una esperienza matrimoniale negativa, finisce nuovamente senza un soldo e sposerà Jane.

CAST

CRITICA

"Il riferimento a un recente caso giudiziario è chiaro, la morte della storia è amara e tutto è mantenuto in tono discreto, a volte persino patetico (...). Ha diretto Camillo Mastrocinque, ben coadiuvato da un Rascel dai toni non insistenti sul comico, ma sugli atteggiamenti dimessi e patetici delle sue migliori interpretazioni". (G. Ciaccio, "Rivista del Cienematografo", 2, febbraio 1967).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy