Michael Keaton (Michael John Douglas)

CORAOPOLIS, Pennsylvania (USA), 5 Settembre 1951
 

BIOGRAFIA

Michael Keaton
Attore. Si è imposto all'attenzione del pubblico con la commedia di successo "Turno di notte" (1982, di Ron Howard), a cui sono seguiti ruoli di primo piano nei film "Mister Mamma" (1983, di Stan Dragoti), "Pericolosamente Johnny" (1984, di Amy Heckerling) e "4 pazzi in libertà" (1989, di Howard Zieff). Nel 1989 gli è stato conferito il premio come Miglior Attore dalla National Society of Film Critics per "Fuori dal tunnel" (1988, di Glenn Gordon Caron) e per "Beetlejuice - Spiritello porcello" (1988) di Tim Burton. Con lo stesso Burton è stato protagonista dei film di successo "Batman" (1989) e "Batman - Il ritorno" (1992) indossando il costume del celebre supereroe. Ha interpretato il reporter Robert Weiner inviato a Baghdad durante la Guerra del Golfo nell'acclamato film TV della HBO "Live From Baghdad" (2002, di Mick Jackson) che gli è valso una candidatura ai Golden Globe. Ha inoltre recitato in "Game 6" (2005, di Michael Hoffman), scritto da Don DeLillo e incentrato sullo storico sesto game della World Serie del 1986 (Mets vs Boston Red Sox), Nel 2007 ha preso parte alla miniserie drammatica della TNT "The Company", sulle attività della CIA durante la guerra fredda. Nel 2007 ha esordito come regista con il film drammatico "The Merry Gentleman", da lui anche interpretato e che ha partecipato al Sundance Film Festival. Ha dato voce a Ken nel film di animazione "Toy Story 3 - La grande fuga" (2010), terzo episodio della serie di successo della Pixar. Ha inoltre preso parte alla commedia "I poliziotti di riserva" (2010, di Adam McKay) accanto a Will Ferrell e Mark Wahlberg e nel remake dell'action "RoboCop" diretto nel 2014 da José Padilha. Nel 2015 è stato il protagonista del film premio Oscar "Birdman" di Alejandro González Iñárritu, con cui ha ottenuto un grande successo di pubblico e di critica per il suo ruolo di Riggan, un ex-divo del cinema che tenta di ritrovare la sicurezza in se stesso e il successo allestendo uno spettacolo teatrale a Broadway. Per questo film, ha ottenuto la sua prima candidatura all'Oscar e ha vinto il Golden Globe, il Robert Altman Award degli Independent Spirit (insieme all'intero cast del film) e un National Board of Review Award come Miglior attore. Successivamente ha preso parte all'acclamato "Il caso Spotlight" di Thomas McCarthy, storia di un gruppo di giornalisti del Boston Globe e del loro reportage sullo scandalo della complicità della Chiesa locale negli abusi sui minori. E' stato sposato con l'attrice Caroline McWilliams, da cui ha avuto il figlio Sean. Fa parte dell'associazione ambientalista American Rivers.

FILMOGRAFIA

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy