Asterix e il segreto della pozione magica

Racconto più corale, ma struttura convenzionale. Per appassionati

5 Marzo 2019
2,5/5
Asterix e il segreto della pozione magica

Asterix e Obelix, ancora una volta insieme. Dal fumetto di René Goscinny e Albert Uderzo, al cinema per la regia di Alexandre Astier e Louis Clichy. I due scelgono di scrivere un’avventura completamente nuova, lontana dagli albi su carta.

Si perde così lo spirito di resistenza contro l’invasione (ai tempi metafora della lotta contro il nazismo), e l’entusiasmo gollista della rinascita dopo la guerra.

Panoramix capisce di non essere eterno, e va alla ricerca di un successore a cui rivelare la formula della pozione. Ma un antico rivale si prepara a scatenare la sua magia oscura.

Asterix e il segreto della pozione magica non è brillante come Asterix e il Regno degli dei: punta tutto sulle gag demenziali e cerca di aggiornarsi all’epoca dei supereroi.

Strizza l’occhio agli anni Ottanta con You Spin Me Round dei Dead Or Alive nella colonna sonora, lascia Asterix in disparte per dar vita a un racconto più corale.

Ma la struttura è abbastanza convenzionale, e si rivolge solo ai più piccoli o agli appassionati. E tra i suoi mille personaggi strampalati aggiunge anche un apprendista stregone con l’aureola, che fa la moltiplicazione dei pani (ma non dei pesci).

Breve apparizione anche per il sempre corrucciato Giulio Cesare.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy