Oggi in tv, Per chi suona la campana

Melodrammi storici, commedie familiari, cinecomic, western rivoluzionari: ce n'è per tutti. I consigli della redazione
9 Luglio 2020
In evidenza, Tv
Oggi in tv, Per chi suona la campana

Ecco i film che la redazione di Cinematografo ha selezionato tra quelli programmati in chiaro per giovedì 9 luglio.

 

LA CONTESSA BIANCA – Iris (canale 22), ore 13:00

“Un amore muto. Lontano dai cliché e privo di retorica, ma vibrante e ricco di impercettibili sfumature. Le stesse che accompagnano tutto il film, nel suo raffinato tratteggio di personaggi e ambientazioni. Firma e stile sono del miglior James Ivory, qui alle prese con la Shanghai del ’36. Il Kuomintang di Chang-Khai Shek controlla gran parte del paese, ma la guerra civile imperversa e il nord è già in mano ai giapponesi. Quella che vediamo è tuttavia una città cosmopolita, sfavillante, distante anni luce da tutto ciò. Un turbinoso crocevia di politici, faccendieri, rifugiati di ogni nazionalità e provenienza. La macchina da presa spazia senza compiacimento da interni spogli a esterni minuziosamente ricostruiti, da salotti aristocratici a bordelli fumosi. […] La vera trama del film: la progressiva rivelazione (e liberazione) di due esseri umani prigionieri di se stessi e delle circostanze. Il tutto, lungo una esilissima traccia di indizi, che non lascia spazio a sbavature.” (Diego Giuliani)

 

SPANGLISH – Paramount Network (canale 27), ore 21:10

“Commedia agrodolce scritta e diretta da James L.Brooks (Voglia di tenerezzaQualcosa è cambiato), Spanglish – termine con cui viene indicata la commistione linguistica di spagnolo e inglese, dialetto parlato da circa 40 milioni di ispanici che vivono negli States – si sviluppa prendendo le mosse dal ricordo di Cristina, figlia della protagonista, ora in procinto di iscriversi all’università. Forte di un’interpretazione corale più che discreta – Paz Vega è tanto bella quanto genuina, Adam Sandler teneramente imbolsito e Téa Leoni un vulcano inarrestabile – il film dimostra ancora una volta quanto la maestria dello sceneggiatore James L.Brooks prevalga sull’anonimità del regista James L. Brooks: ricercatezza e tratteggio cristallino nella fisionomia dei personaggi (a tal proposito, un’eccellente Cloris Leachman presta il volto ad Evelyn, mamma giovialmente alcolizzata di Deborah) hanno la meglio su una direzione d’insieme decolorata e priva di qualsivoglia slancio.” (Valerio Sammarco)

 

PER CHI SUONA LA CAMPANA – Tv2000 (canale 28), ore 21:10

“Gli americani sono troppo accorti nelle loro produzioni e troppo interessati a non crearsi intoppi sugli scabrosi ma fruttiferi circuiti europei. E’ nato così un film spettacolare, mirabilmente realizzato con dovizia di mezzi, interessante nella trama e mirabilmente interpretato da un gruppo selezionato dei migliori attori e caratteristi di Hollywood. Il regista e Sani Wood, che ha impiegato un anno per portare a termine la lavorazione della pellicola girala quasi completamente nelle montagne della Sierra Nevada nel 1942. Il technicolor è stato usato intelligentemente e le sfumature dosate con sufficiente realismo, evitano quegli impasti multicolori che sono la caratteristica di certe pellicole americane; il singolarissimo merito deve essere attribuito a Natalie Kalmus artista aperta e di buon gusto. Gary Cooper nel personaggio di Jordan si ritrova a perfezione, presentando una simpatica figura di missionario della libertà.” (Rivista del Cinematografo, marzo 1946)

 

X-MEN – LE ORIGINI: WOLVERINE – Italia 2 (canale 66), ore 21:20

“Tradimento, amori perduti e menzogna: questo il substrato di quello che a tutti gli effetti può essere considerato il prequel della trilogia sugli X-Men, diretto da un insolito Gavin Hood (premio Oscar per Il suo nome è Tsotsi), come da titolo incentrato sulla figura dell’artigliato mutante – con il quale ormai Jackman è in simbiosi pressoché totale – ma tutto sommato utile (anche se filologicamente non ineccepibile) riduzione cinematografica per capire come tutto abbia avuto inizio, con i mutanti catturati e reclusi per essere trasformati nella micidiale Arma X.” (Valerio Sammarco)

 

QUIEN SABE? – La 7, ore 0:05

“Nel magma ardente e ribollente della grande rivoluzione messicana si può dire che ogni uomo assumeva la statura di protagonista di una storia di sangue e di morte nel vorticoso vento di rivolta che incendiava quella terra bruciata da passioni estreme cui basta una scintilla per incendiare uomini e cose. Il colore delle rivoluzioni è ovunque fiammeggiante di vermiglio, ma nel Messico il clima è stregato e tutto – amore, religione, guerra – deflagra nel parossismo, nel fanatismo, nel selvaggio con l’impeto travolgente e la cupa voluttà della violenza tipica di questo popolo, segnato da caratteri unici e inconfondibili. […] tra eroismo e tradimento, tra vampate ideologiche e sbandate verso il compromesso, tra faziosità e richiami irresistibili al banditismo, oppure, e più ragionevolmente, tratteggiare il quadro affinché gli aficionados del genere pittorescamente sanguigno possano rintracciarvi quanto basta per essere inequivocabilmente indirizzati alla visione preferita.” (Rivista del Cinematografo, febbraio 1967)

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy