Moretti, il cinema non è terapeutico

"Mettere in scena questa relazione aiuta però a rielaborarla", dice il regista di Mia madre. In concorso a Cannes
Moretti, il cinema non è terapeutico
Nanni Moretti e il cast di Mia madre in conferenza stampa a Cannes (Foto Pietro Coccia)

“Il cinema non ha una funzione terapeutica, mettendo in scena questa relazione però puoi provare a rielaborarla. Non è una strategia studiata a tavolino, è il mio modo di provare a raccontare le persone, il loro vissuto”. È il giorno di Nanni Moretti al Festival di Cannes, che oggi ospita in concorso Mia madre, settimo film del regista de Il caimano e Habemus Papam a concorrere per la Palma d’oro. Già nelle sale dal 14 aprile, Mia madre è incentrato su Margherita (Buy), regista di successo impegnata sul set di un nuovo film che ha per protagonista un attore americano (John Turturro): la donna sembra non avere più l’ispirazione di una volta mentre la sua vita privata è in un momento cruciale, con la madre (Giulia Lazzarini) prossima alla fine e una relazione sentimentale che si sta chiudendo. Nanni Moretti interpreta Giovanni, il fratello di Margherita.

Morettie Buy in Mia madre

Morettie Buy in Mia madre

“Lo scopo del cinema è quello di fare buoni film, possibilmente innovativi, che evitino il già visto, non penso che per fare buoni film ci siano argomenti privilegiati, di serie A o di serie B: qualsiasi argomento, qualsiasi tema può portare a un brutto film o a un buon film”, dice ancora Nanni Moretti, che parlando della massiccia presenza italiana al Festival di Cannes, spiega: “Sono contento ci siano tre film italiani in gara e altri nelle varie sezioni, ma mi sembra più il frutto di iniziative individuali che non di una miglioria generale di un sistema”.

Tornando al film, realizzato dal regista all’indomani della scomparsa della mamma, Nanni Moretti aggiunge: “Quasi tutte le interpretazioni su quel ‘A domani’ che dice il personaggio di Giulia Lazzarini in risposta al ‘Che cosa pensi?’ verso la fine del film  sono ammesse. Quasi tutte. Quello che posso dire con sicurezza è che questo è un film su ciò che resta, qui, tra di noi, vivi, su questa terra. Ma è anche un film su ciò che resta delle persone che se ne vanno, che muoiono, i libri, i ricordi…”.

 

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy