Il cinema secondo Travaglio

"Una vergogna non si sia ancora fatto un film sulla trattativa Stato-mafia", dice a RdC il giornalista. In cammeo in Passione sinistra di Marco Ponti
10 Aprile 2013
Il cinema secondo Travaglio

“E’ una vergogna che non si sia ancora fatto un film sulla trattativa Stato-mafia. Abbiamo la “fortuna” di avere un paese governato da malfattori: ci hanno distrutti, ma insieme regalato storie noir e horror inaudite”. Sul numero di aprile della Rivista del Cinematografo in edicola, Marco Travaglio svela le predilezioni cinematografiche di “uno spettatore modello base” affamato d’impegno. E guarda agli Usa: “Le Olgettine, il caso Ruby: ma ve le immaginate nelle mani di un regista americano? Oppure, Oliver Stone sulla trattativa: altro che JFK, le telefonate di Napolitano e Mancino, un Watergate alla quarantesima potenza”.
L’occasione è l’uscita in sala il 18 aprile di Passione sinistra di Marco Ponti, con Valentina Lodovini e Alessandro Preziosi, in cui il vicedirettore del Fatto Quotidiano compare in cammeo: “Mi ha chiamato il regista, dicendo di aver inserito il tormentone della Lodovini che mi riguardava, e ho accettato: per amicizia, curiosità e perché fuori dal lavoro mi piace divertirmi”. Tra i suoi registi preferiti Moretti, Bellocchio, Verdone, Sorrentino e Garrone, tra gli attori Toni Servillo, Isabella Ferrari, Valeria Golino e la Lodovini, alla Rivista del Cinematografo Travaglio parla anche di fiction-tv: “La piantassero con le vite dei santi o, meglio, di personaggi ambigui santificati, come il capitano Ultimo: s’è “dimenticato” di perquisire il covo di Riina, se ce lo dicessero non sarebbe male”.
Non poteva mancare un suo commento su Il Caimano di Moretti: “Una profezia, anche se era abbastanza prevedibile si arrivasse all’assalto al tribunale. Oggi siamo al crepuscolo, ed è stato un assalto farsesco, comico, seppur grave: con Brunetta e Scilipoti nessuno ha avuto paura, se non per l’argenteria”. Infine, una battuta su Passione sinistra, che pare un titolo perfetto per il Pd: “Certo – conclude Travaglio – ma solo se intendiamo la Passione del Calvario”.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy