Cannes 2018, Garrone e Rohrwacher in concorso

L'Italia torna in gara per la Palma d'Oro con Dogman e Lazzaro felice. Valeria Golino in Un Certain Regard con Euforia, non in cartellone Loro di Sorrentino e Soldado di Sollima
Cannes 2018, Garrone e Rohrwacher in concorso

Annunciato il programma del 71° Festival di Cannes (8-9 maggio).

L’Italia torna in competizione a distanza di tre anni con Dogman di Matteo Garrone e Lazzaro felice di Alice Rohrwacher.

Valeria Golino è di nuovo in Un Certain Regard (dopo l’opera d’esordio Miele) con Euforia.

Riccardo Scamarcio e Valerio Mastandrea in Euphoria

A sorpresa, almeno al momento, restano fuori dal cartellone Loro di Paolo Sorrentino e Soldado di Stefano Sollima.

L’Italia è presente anche tra i 17 titoli della selezione Cinéfondation con Così in terra di Pier Lorenzo Pisano, cortometraggio di 13 minuti prodotto dal Centro Sperimentale di Cinematografia.

Per quanto riguarda il concorso, in gara per la Palma troviamo – oltre al già annunciato film d’apertura Everybody Knows di Asghard Farhadi – Le livre d’image di Jean-Luc Godard, En guerre di Stephan Brizé, Asako I & II di Ryusuke Hamaguchi, Plaire aimer et courir vite di Christophe Honoré, Les filles du soleil di Eva Husson, Ash is Purest White di Jia Zhang-Ke, Shoplifters di Hirokazu Kore-Eda, Capharnaum di Nadine Labaki, Burning di Lee Chang-Dong, Blackkklansman di Spike Lee, Under the Silver Lake di David Robert Mitchell, Three Faces di Jafar Panahi, Cold War di Pawel Pawlikowski, Yomeddine di A.B Shawky, L’été di Kirill Serebrennikov.

In Un Certain Regard, oltre al già citato film di Valeria Golino, troviamo Border di Ali Abbasi, Sofia di Meyem Benm’Barek, Les chatouilles di Andréa Bescond & Eric Métaye, Long Day’s Journey Into Night di Bi Gan, Manto di Nandita Das, Girl di Lukas Dhont, Angel Face di Vanessa Filho, Friend di Wanuri Kahiu, My Favourite Fabric di Gaya Jiji, The Harvesters di Etienne Kallos, In my Room di Ulrich Köhler, El Angel di Luis Ortega, The Gentle Indifference of the World di Adilkhan Yerzhanov, À genoux les gars di Antoine Desrosières.

Fuori Concorso, oltre al già annunciato Solo: A Star Wars Story, c’è anche Le grand bain di Gilles Lellouche. Mentre per i Midnight Screenings troviamo Arctic di Joe Penna e The Spy Gone North di Yoon Jong-Bing.

 

Infine, per gli Special Screenings: il collettivo 10 Years in Thailand di Aditya Assarat, Wisit Sasanatieng, Chulayarnon Sriphol e Apichatpong Weerasethakul, The State Against Mandela and the Others di Nicolas Champeaux e Gilles Porte, O grande circo mistico di Carlo Diegues, Dead Souls di Wang Bing, To the Four Winds di Michel Toesca, La traversée di Romain Goupil e il documentario di Wim Wenders su Bergoglio, Pope Francis – A Man On is Word.

Qui la line up completa di Cannes71

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy