Una breve vacanza

ITALIA - 1973
Clara Mataro, calabrese, sposata al conterraneo Franco, madre di tre figli, lavorando come operaia in una fabbrica del milanese, è costretta a mantenere stentatamente la suocera, il cognato e tutta la propria famiglia poichè il marito è momentaneamente invalido per un incidente a una gamba. La salute di Clara, già fragile, vacilla insieme al suo morale. Stimolata dalle compagne di lavoro, si fa visitare: la mutua le prescrive il sanatorio di Sondalo. Mentre la piacevole "vacanza" le restituisce salute e forze, l'esempio delle emancipate compagne e la conoscenza di Luigi, operaio specializzato, a sua volta ricoverato, le conferiscono una nuova coscienza di sé e l'attirano verso l'avventura sentimentale, che non si conclude per l'intervento dei familiari e per la dimissione dal luogo di cura. Con molta tristezza Clara viaggia verso casa: l'attende di nuovo un lavoro gravoso e un ménage umiliante.

CAST

NOTE

- PREMIATO AL XIX FESTIVAL KARLOVY VARY.

- DAVID DI DONATELLO 1973 PREMIO EUROPEO A VITTORIO DE SICA; NASTRO D'ARGENTO 1974 AD ADRIANA ASTI COME MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA.

- GIRATO NEGLI STUDI ICET-DE PAOLIS DI MILANO. ESTERNI A MILANO E DINTORNI E A SONDALO (SO).

CRITICA

"Nel chiuso universo della 'famiglia', De Sica ritrova la vena borghese, delicata e amara. Si chiude l'arco di una lunga parabola che ha avuto alti e bassi, deviazioni e pentimenti, superficialità e l'incanto di un cinema scoperto proprio nella sua matrice diretta e autentica." (G. Turroni, in 'Vittorio De Sica', Bianco e Nero, 1975)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy