TRE UOMINI E UNA GAMBA

ITALIA - 1997
TRE UOMINI E UNA GAMBA
E' il 31 luglio. Aldo, Giovanni e Giacomo partono per raggiungere le loro famiglie in vacanza in Puglia. Aldo e Giovanni sono sposati con due sorelle, Giacomo è fidanzato con la terza e il matrimonio è previsto due giorni dopo proprio in Puglia. I tre lavorano in un negozio a Milano di proprietà del suocero, un volgare arricchito che li tiranneggia. Sulla macchina, insieme ai bagagli, i tre caricano un oggetto tanto ingombrante quanto prezioso: una gamba di legno, ultima fatica del celebre scultore americano Gerpez, da portare al suocero. Il viaggio comincia ma è costellato da incidenti e soste impreviste. In una di queste incontrano Chiara, con la quale pranzano e poi si intrattengono. Giacomo è attratto dalla ragazza e vorrebbe andare via con lei. Le vicissitudini, tra cui un ricovero in ospedale di Giacomo, e una partita a pallone con un gruppo di extracomunitari per recuperare la gamba rubata, si susseguono ma alla fine, con la macchina scassata, arrivano in vista della villa del suocero. Qui però sono presi dalla paura e fanno una precipitosa marcia indietro.
  • Altri titoli:
    THREE MEN AND A LEG
  • Durata: 100'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Produzione: MARCO POCCIONI, MARCO VALSANIA PER RODEO DRIVE, PAOLO GUERRA PER A.GI.DI SCARI
  • Distribuzione: MEDUSA FILM - MEDUSA VIDEO

NOTE

- REVISIONE MINISTERO DICEMBRE 1997

- N.B. ALDO BAGLIO - GIOVANNI STORTI - GIACOMO PORETTI.

CRITICA

"Grazie al co-autore Massimo Venier (una regìa a 8 mani, un record!) e agli amici sceneggiatori Gherarducci e Martignoni, i tre protagonisti scrivono e recitano una storia che conserva l'inverosimiglianza del cinema, ispirandosi ai road movie con tragitto estivo Milano-Gallipoli. (...) Continuando così il Trio non potrà che migliorare in un cinema italiano in cerca di risate veraci, dove si ironizza senza volgarità sulle volgarità contemporanee, con un sottosuolo di malinconia un po' lunare che non esclude, per il futuro, altre sorprese. Sempre nel rispetto dei classici comandamenti del comico riveduti e corretti per un pubblico nazional televisivo popolare." (Maurizio Porro, 'Il Corriere della Sera', 27 dicembre 1997)

"Arriveranno mai a destinazione? C'è un'aria spensierata, adolescenziale, simpaticamente immatura, disperatamente normale nel trio che, negli spettacoli teatrali, danno il meglio di sé. E, di tanto in tanto, riescono a tinteggiare la realtà di surrealtà (un po' come Antonio Albanese): ad esempio s'inventano dei siparietti (in pratica tre cortometraggi inseriti nel film) in cui si prendono gioco del cinema (il genere 'pulp' alla Tarantino, il 'gore' e il 'neorealismo') anche se è proprio la regia cinematografica (assai elementare e un po' scadente) a prendersi un po' troppo gioco di loro." (Fabio Bo, 'Il Messaggero', 27 dicembre 1997)

"Qualche guizzo, due o tre battute spiritose dette in modo colorito, delle situazioni a incastro che, durante quel viaggio, consentono qualche occasione di spasso: tutto, però, con molti limiti anche perché la comicità dei cabaret raramente si trasferisce con successo dal palcoscenico piccolo al grande schermo (c'è riuscito Massimo Troisi, ma con una statura ben diversa) e perché gli interpreti, pur arrivati al cinema preceduti da una certa fama, hanno l'aria spesso un po' spaesata anche se - questo va riconosciuto - sempre piuttosto molto divertita (pur con il rischio di essere però quasi, i soli a divertirsi...). Insieme ai tre, e alla quarta, ottengono un po' di spazio (fra il comico e il grottesco) Carlo Croccolo, il principale rozzo e autoritario, intento, con i due generi, a farla più da suocera che non da suocero, e Maria Pia Casillo, sua moglie, troppo lontana, ahimé, dal nostro bel cinema anni Cinquanta, a cominciare da 'Umberto D'." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo', 29 dicembre 1997)

"Originale, vivace e (semi)divertente commedia surreal-demenziale dello spiritoso Trio Aldo-Giovanni & Giacomo, debuttante al cinema, che se non riesce a trovare un filo conduttore decente alla propria asmatica storiella, è abilissimo nell'inventare gag esilaranti. I ragazzini si divertiranno fino alle lacrime, gli over cinquanta si chiederanno come può un filmino così esse stato campione d'incassi". (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 28 aprile 2003)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy