The Bounty Killer

El precio de un hombre

ITALIA - 1966
Eden, una giovane donna, riesce a far fuggire, mentre viene condotto in carcerE, il sanguinario bandito José Faradin. Sulle tracce del bandito si mette Luke Chilson, un cacciatore di taglie, che giunge al remoto gruppetto di case ove abita Eden, sicuro d'incontrarvi anche José. Così infatti accade e con un stratagemma il "bounty killer" sta per avere la meglio, quando l'intervento di altri uomini e la passività della popolazione locale sentimentalmente legata al bandito, capovolgono la situazione. Luke rimane prigioniero di José e viene barbaramente torturato. Nel frattempo però, sia José che i suoi uomini dimostrano chiaramente le loro intenzioni: alcune persone vengono uccise senza motivo e tutti gli abitanti del villaggio vengono derubati dei loro modesti beni. A questo punto Eden, che ha avuto modo di conoscere a fondo José, libera Luke, e questi, finalmente aiutato dalle persone del luogo, riesce ad eliminare la terribile banda.
  • Altri titoli:
    The Price of a Man
    The Ugly Ones
  • Durata: 95'
  • Colore: C
  • Genere: WESTERN
  • Specifiche tecniche: PANORAMICA EASTMANCOLOR
  • Tratto da: romanzo "The Law and Jake Wade" di Marvin H. Albert
  • Produzione: LILIANA BIANCINI PER DISCOBOLO FILM (ROMA), TECISA FILM (MADRID)
  • Distribuzione: REGIONALE

NOTE

- E' IL PRIMO FILM WESTERN IN CUI TOMAS MILIAN HA IL RUOLO DEL CATTIVO.

CRITICA

"Nello scenario tradizione ispano-messicano, Eugenio Martìn ha ambientato uno dei molteplici western-spaghetti che hanno invaso gli schermi di molte sale (...). I clienti fedeli di questi locali vengono a prendere ogni settimana la loro dose di crudeltà, sangue e brutalità, avendo la poltrona come sella. (...) Allora, chi criticare? L'esercente? Il regista? O i suddetti spettatori?". (C. Ganne, "Saison '71", Parigi 1971).

"Il film, un western ligio ai più recenti e deprecabili canoni del genere, è una lunga serie di crudeltà non certo attenuate dalla precisa tecnica del regista, impegnata esclusivamente a sfruttare la tensione drammatica per ottenere uno spettacolo di gusto deteriore." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 61, 1967)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy