SOLITUDINE

ITALIA - 1941
L'ing. Navarri dopo diversi mesi di indefessa fatica è alla soglia di una importantissima scoperta che libererebbe la grande industria siderurgica da lui diretta, dalla schiavitù del rifornimento all'estero della materia prima. Naturalmente la mole del lavoro e le preoccupazioni ad esso connesse, hanno tenuto l'ingegnere lontano dalla casa dove la giovane e piuttosto frivola moglie, credendosi trascurata, cede alle lusinghe di un corteggiatore, suo vecchio compagno di conservatorio, e decide di abbandonare il marito. E proprio mentre questi sta attraversando un momento delicatissimo assumendosi la responsabilità di un esperimento che potrebbe qualora non riuscisse, troncare la vita di parecchi operai, ella gli rinuncia di voler partire per sempre. Per l'intervento della cugina, la donna ha un attimo di resipiscenza che le fa intravedere l'abisso verso il quale la conduce la sua fatuità e, spontaneamente, ritorna a fianco del marito in una rinnovata luce d'amore.
  • Durata: 84'
  • Produzione: LIVIO PAVANELLI SAFA
  • Distribuzione: MINERVA FILM

NOTE

IL FILM, PRIMA DEL TITOLO DEFINITIVO, ERA STATO PREANNUNCIATO CON QUELLO DI "ORA SUPREMA".

CRITICA

"(...) E' un chiaro, armonioso e umano film, anche quando riprende motivi romantici e conflitti psicologici risaputi. Ha una sua comunicativa, un suo vigore, una sua commozione di infallibile presa. E' Livio Pavanelli che lo ha diretto-un "vecchio bello" del muto che si rivela, qui regista di polso sicuro e di genuina sensibilità cinematografica-e che ha lavorato con misura e incisività notevoli. Degli attori la bella Carola Hohn dalla medusea testa, ha scatto e sincerità di espressioni assai felici. (...)". (A. Vesce, "Il Mattino", 17/1/1942).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy