Madame Bovary

USA - 1949
Madame Bovary
Lo scrittore Gustave Flaubert, accusato d'aver offeso la morale e la religione col suo romanzo "Madame Bovary", per difendersi in tribunale racconta la storia della sua eroina: Emma Ronault, giovane provinciale, esaltata e romantica, incontra nella fattoria paterna Carlo Bovary, giovane medico condotto, che s'innamora di lei e la sposa. Emma s'avvede ben presto che Bovary non è il "principe azzurro", ch'essa attendeva ansiosamente, e per distrarsi, intreccia un idillio con un giovane scrivano di notaio. Invitata ad una festa in casa d'aristocratici, incontra, in quell'ambiente fastoso, ch'essa aveva sempre sognato, un gentiluomo di campagna, Rodolfo, e ne diviene l'amante. Stabilisce di fuggire con lui in Italia e per preparare il viaggio fa ingenti debiti. Ma al momento della partenza, Rodolfo la lascia per un'altra ed essa ritorna delusa alla casa del marito. Riallaccia la relazione col giovane scrivano; ma è una nuova delusione. Assillata dai debiti, che non può pagare, Emma non può impedire che la casa e quanto essi posseggono sia venduto all'asta. Disperata, essa s'avvelena e muore tra le braccia del marito. Il tribunale assolve Flaubert, affermando che rappresentare la verità non è immorale.
  • Altri titoli:
    Madame Bovary und ihre Liebhaber
  • Durata: 106'
  • Colore: B/N
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: 35 MM (1:1.37)
  • Tratto da: romanzo "Madame Bovary" di Gustave Flaubert
  • Produzione: PANDRO S. BERMAN PER LOEW'S
  • Distribuzione: MGM - MGM HOME ENTERTAINMENT

NOTE

- COREOGRAFIE: JACK DONOHUE.

CRITICA

"Infedele al romanzo, il film è tutto dalla parte di Emma. Per ovviare alla censura che non avrebbe tollerato un film che poteva sembrare in favore dell'adulterio, il produttore Pandro Berman ebbe l'idea dell'autodifesa dell'autore in tribunale."

"Nel film, molto ben interpretato, è reso con grande efficacia il processo di progressivo disfacimento morale, descritto nel celebre romanzo." ('Segnalazioni Cinematografiche', vol. 27, 1950)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy