Le infedeli

ITALIA - 1952
L'industriale Azzali, invaghito di una indossatrice, fa sorvegliare sua moglie Luisa da un'agenzia di investigazioni nella speranza di trovare un buon pretesto per chiedere il divorzio. Della sorveglianza viene incaricato Osvaldo, giovane avventuriero di pochi scrupoli. Proprio in quei giorni Osvaldo ha incontrato la sua antica fidanzata, Liliana, che ha sposato un ricco industriale inglese il sig. Rogers. Appreso che Luisa Azzali ha per amante il proprio autista, Osvaldo la ricatta, estorcendole una forte somma. Nel frattempo egli è divenuto l'amante di Liliana, alla quale riesce a sottrarre una preziosa collana di brillanti. Del furto è accusata Cesarina, giovane cameriera, legata a Liliana da reciproco affetto. Con l'appoggio di Liliana, Cesarina trova un altro servizio ma anche qui viene commesso un furto. Liliana apprende che il secondo furto è stato commesso da una sua amica, indotta dai ricatti di Osvaldo. Decisa a vendicare la memoria di Cesarina, Liliana presenta una denuncia contro Osvaldo, ma la paura dello scandalo e l'omertà proteggono il filibustiere.

CAST

NOTE

- REVISIONE MINISTERO GIUGNO 1997.

- IL FILM E' STATO IN REALTA' INTERAMENTE GIRATO DA MARIO MONICELLI.

- IL GIORNALISTA TELEVISIVO CARLO MAZZARELLA FA UNA PARTICINA.

- MILKO SKOFIC, NELLA VITA MARITO DI GINA LOLLOBRIGIDA, INTERPRETA IL RUOLO DEL SUO AMANTE.

CRITICA

"Si tratta di un lavoro tecnicamente valido, benché il racconto sia alquanto frammentario." (Segnalazioni cinematografiche', vol. XXXIII, 1953)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy