La ribelle

ITALIA - 1993
La ribelle
In un paesotto della Sicilia, due giovani sorelle sono sorprese a rubare in un supermercato: sono Rosaria ed Enza. Il giudice minorile le fa internare in un Istituto di rieducazione per completare la scuola dell'obbligo e imparare un mestiere con la possibilità di rientrare in famiglia la domenica. La vita nell'Istituto è dura, tutta rimbrotti e punizioni, nonostante l'umanità e i tentativi di dialogo di suor Valida, donna di poche parole ma non priva di sensibilità. Ad una prima uscita domenicale, Enza si lascia prendere dall'attrazione per il prestante Sebastiano, un giovane venditore ambulante e passa una notte con lui. Ma quando Enza lo raggiunge di nuovo, scavalcando il muro di cinta dell'Istituto, il ragazzo rimane contrariato: non ha un'abitazione e nessuna intenzione di legarsi a lei. Alla successiva uscita, incontra Franchino, un lavoratore che convive con la vecchia nonna inferma. Questi la corteggia con assiduità. Enza passa una notte con lui ma esige un totale distacco fisico, quando lo raggiunge una notte vede uscire dalla porta di Franchino la sorella Rosaria. Sopraffatta dalla gelosia ha una rissa violenta con la sorella, e al ritorno all'Istituto urla furibonda a suor Valida di essere incinta, e non sa di chi: non vuole il bambino. La suora cerca di farle notare quanto sia grave spegnere una vita, ma Enza non le dà retta. Al successivo incontro con Franchino, che si reca ad attenderla alla porta del riformatorio, Enza si reca con lui al mare, e vi si getta dentro vestita. Quando esce dalle onde, Enza corre vestita e gocciolante al primo autobus che passa. Dopo un sorriso alla vista di Franchino che la rincorre inutilmente, accarezzandosi il grembo sembra accettare la creatura che sta per nascere.
  • Altri titoli:
    The Rebel
    La ribelle - Storia di Enza
  • Durata: 88'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: PANAVISION, 35 MM
  • Tratto da: tratto dal libro "Storia di Enza" di Aurelio Grimaldi
  • Produzione: PIETRO VALSECCHI E CAMILLA NESBITT PER RETEITALIA-TAODUE, LA BANDA MAGNETICA
  • Distribuzione: DARC - PENTAVIDEO, MEDUSA VIDEO (PEPITE)

NOTE

- IN CONCORSO AL 46MO FESTIVAL DI LOCARNO (1993).

- REVISIONE MINISTERO: AGOSTO 1993.

CRITICA

"Sgradevole ma non disprezzabile dramma sociale che lo scrittore e sceneggiatore progressista Aurelio Grimaldi ha tratto da un suo stesso romanzo. Un'aspra e disperata storia di emarginazione che riesce anche a ispirare tenerezza (oltre che rabbia). Tra le due espressive protagoniste, spicca la sensuale Penelope Cruz; la paciosa Laura Betti è meno antipatica del solito": (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 10 aprile 2002)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy