La dea del successo

The Muse

USA - 1999
La dea del successo
Lo sceneggiatore di successo Steve Phillips viene improvvisamente licenziato dal giovane direttore degli studios per i quali lavora perché sembra aver esaurito la vena creativa. In preda al panico, Steve si rivolge al collega Jack Warrick in cerca di aiuto. Jack gli confida di aver superato una prodonda crisi creativa grazie all'aiuto di Sarah, una splendida Musa arrivata direttamente dall'Olimpo per aiutare gli scrittori a entrare in contatto con la loro creatività. In cambio chiede pasti in ristoranti lussuosi, alloggio in uno splendido albergo, una macchina con autista e la disponibilità telefonica di Steve 24 ore su 24. Nonostante il disappunto della moglie Laura, Steve stringe il patto con Sarah. Dopo qualche tempo, però, i soldi iniziano a scarseggiare e, a risollevare le sorti economiche della famiglia sarà Laura con le sue torte fatte in casa e l'aiuto di una nuova amica, Sarah, che si è trasferita a casa loro. La vita di Steve, questa volta, sta veramente per cambiare radicalmente...
  • Altri titoli:
    Hollywood Muse
  • Durata: 97'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Produzione: HERB NANAS PER OCTOBER FILMS
  • Distribuzione: FILMAURO (2000)

NOTE

- I VESTITI DI SHARON STONE SONO DI EMMANUEL UNGARO.

CRITICA

"Una delle nove figlie di Zeus, la Musa Sharon, lascia l'Olimpo per Hollywood. Che poi sono un po' la stessa cosa. Tra un capriccio e l'altro, cerca nuove fonti di ispirazione per la sceneggiatore Brooks che ha perso la vena. Scorsese, James Cameron e Rob Reiner, in gustosi ruoli cameo, garantiscono l'efficacia dell'intervento. Brillanti i dialoghi (sempre Brooks), brillante Sharon, ma il regista anche primo attore non funziona". (Paola Piacenza, 'Io donna', 22 aprile 2000.)

"Regista, sceneggiatore e interprete con una predilezione per le commedie paradossali Albert Brooks ha scelto un soggetto e un ambiente che gli permettono di giocare in casa, variando sulle tipiche nevrosi di Hollywood, assicurandosi 'cammei' di celebri colleghi ( James Cameron, Martin Scorsese, Rob Reiner) nel ruolo di se stessi e coinvolgendo, per le parti principali, un cast molto invitante. Malgrado tutte queste possibilità di partenza, 'La dea del successo' resta parecchio al di sotto delle ambizioni. Può essere divertente, ad esempio, sentire che 'Titanic' è il risultato dell'ispirazione di una Musa; ma dopo un po' i private jokes sul cinema diventano ripetitivi e ben poco interessanti. Sharon Stone non manca la sua occasione nella commedia, incarnando una Musa capricciosa e invadente, mentre Andie MacDowell, che il proprio talento per il genere non avrebbe più bisogno di dimostrarlo, prende un'aria insolitamente spaesata. A un certo punto della visione ti viene da chiederti che cosa, da un soggetto del genere, avrebbe potuto ricavare Woody Allen. Domanda destinata a restare senza risposta, evidentemente, ma sintomatica della delusione per una buona occasione mancata". (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 22 aprile 2000)

"Cosa potrebbe fare di più Sharon Stone? Fulgida come sempre, ha appena festeggiato in serenità il quarantaduesimo compleanno ovvero quel tipo di traguardo che alle belle di professione trasmette ansia; e scegliendo un film come 'La dea del successo' ha dimostrato una lodevole fiducia nell'intelligenza intessuta di umorismo. Purtroppo le è andata male: la pellicola con il pubblico non ha funzionato (...). Pur in chiave di favola, il racconto fa acqua da tutte le parti e non bastano le frequenti battute azzeccate per tenerlo a galla. Come se non bastasse Sharon Stone è fuori ruolo, Brooks recita nello stile dei comici del varietà, la MacDowell ha due espressioni e la parte di Bridges è tanto inconsistente che potevano metterci un altro". (Alessandra Levatesi, 'La Stampa', 23 aprile 2000)

"L'effetto è così così. Talvolta si ride, specie quando Brooks ironizza su Spielberg o sui mostri sacri ("Hai visto 'Shining'? Lì sì che c'era una bella battuta. 'Il mattino ha l'oro in bocca'. Forse la ripeteva un po' troppo"), ma per il resto la commedia risulta più che altro uno spunto per valorizzare una Sharon Stone comica, fuori dai suoi cliché sexy più consolidati. Al grido di 'Non c'è niente che costa troppo', la bionda star quarantenne (doppiata da Micaela Esdra) si toglie ogni sfizio, cambia abito a ogni scena e invade allegramente le case dei suoi 'clienti', con una sorpresa finale che non riveleremo. Nel cast ci sono anche Andie McDowell e Jeff Bridges, ma - diciamo la verità - hanno fatto di meglio". (Michele Anselmi, 'l'Unità', 22 aprile 2000)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy