IL CONTE UGOLINO

ITALIA - 1949
Il conte Ugolino della Gherardesca è il più potente e ricco signore della Repubblica di Pisa. Egli è, almeno apparentemente, amico dell'Arcivescovo Ruggeri, che regge il Consiglio della Repubblica; ma la potenza del conte, gli crea molte inimicizie. Di queste si farà strumento l'Arcivescovo, uomo subdolo e astuto. Egli sottopone al conte un perfido piano: si tratta d'attirare in un tranello la flotta di Genova, per poi annientarla. Lo stesso Ugolino propone al Consiglio le misure necessarie per l'esecuzione del piano. Il conte si ritira poi in un suo castello, dove aspetta il messaggio del Consiglio, che gli ordini di prendere il comando della flotta pisana. Ma l'Arcivescovo distrugge il messaggio del Consiglio e ne manda al conte uno falso, che gli ordina di non muoversi. Così le fanterie genovesi avanzano indisturbate e la flotta pisana è battuta. Accusato di tradimento, il conte non può difendersi efficacemente, perché l'Arcivescovo nega l'esistenza del messaggio falso, che egli ha distrutto, dopo averlo carpito al conte. Questi è condannato a morir di fame coi suoi figli. In seguito all'intervento della figlia d'Ugolino, il Pontefice fa arrestare l'Arcivescovo, ma il conte e i suoi sono già morti.

CAST

NOTE

- AIUTO REGISTA: VALENTINO TREVISANATO.

- LA COLLABORAZIONE DI RICCARDO FREDA ALLA SCENEGGIATURA NON E' ACCREDITATA.

CRITICA

"Dal punto di vista artistico è un lavoro molto debole". (Anonimo, "Segnalazioni Cinematografiche", vol. XXVII del 1950).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy