ERA LEI CHE LO VOLEVA

ITALIA - 1953
La bella Nausicaa è dedita a severe ricerche: essa ha fatto degli studi sugli effetti, che la sconfitta produce sul cervello dei pugilatori. Esaurita dal lavoro, va soggetta a crisi, durante le quali vede in tutti quelli che incontra, i lineamenti a lei ben noti del giovane pugilatore Dinamite. A dir il vero, la volgarità di Dinamite e dei suoi amici ha destato in lei, al loro primo incontro, un senso di disgusto: malgrado questo, il giovane pugilatore esercita su di lei un fascino irresistibile. Dal canto suo, Dinamite, pazzamente innamorato della fanciulla, si conquista le simpatie della famiglia di lei e finisce col sposarla. Ma, in seguito ad un equivoco, Nausicaa, convinta che il marito la tradisca, si separa da lui e dichiara di non volerlo più vedere. Dinamite tenta di venire ad una spiegazione, ma i suoi sforzi sono vani. In tali condizioni egli deve affrontare un importante incontro; ma non vedendo Nausicaa tra gli spettatori, Dinamite non trova la forza di reagire agli assalti dell'avversario. Nel frattempo, il suo fido domestico, venuto a conoscenza dei fatti, che hanno generato l'equivoco, ne mette a parte Nausicaa, che si precipita allo stadio. Dinamite trionfa e dopo una breve schermaglia si riconcilia con Nausicaa.

CAST

CRITICA

"Walter Chiari e Lucia Bosè in una commedia piuttosto modesta nei risultati, se non nelle intenzioni, in cui Chiari fa valere la sua consueta disinvolta comunicativa al servizio di un soggetto che non dice nulla di nuovo (...)". (U. Tani, "Intermezzo", n. 9/10 del 15/6/1953).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy