Buon funerale amigos... paga Sartana

ITALIA - 1970
Buon funerale amigos... paga Sartana
Il pistolero Sartana, che ha assistito all'uccisione di Benson, un cercatore d'oro, si reca a Indian Creek per scoprire i mandanti del delitto. Qualche tempo dopo, giunge nella cittadina una nipote del morto, Jasmine, che ha ereditato da lui un appezzamento di terreno. Sartana si presenta alla ragazza, conquista la sua fiducia e la convince a rifiutare qualsiasi offerta d'acquisto del suo possedimento. Volendo ad ogni costo diventarne il proprietario, poiché è convinto che in esso si trovi oro in quantità, il banchiere Hoffman, che è il vero responsabile dell'assassinio di Benson, cerca dapprima, inutilmente, di eliminare Sartana, quindi sequestra Jasmine per indurla a cedergli il terreno. Riuscito a liberare la ragazza, Sartana cade nelle mani del banchiere che, tuttavia, in una gara d'astuzia con lui, soccombe miseramente. Da tempo in contatto con il cinese Tse Tung, proprietario di una casa da gioco e interessato quanto Hoffman all'acquisto del terreno di Jasmine, Sartana lo induce a sborsare, per entrarne in possesso, ben centomila dollari. Una volta concluso l'affare, nell'appezzamento non si riesce però a trovare la minima traccia d'oro. Jasmine, che sapeva tutto fin dal principio, poiché aveva sempre agito di concerto con lo zio, un emerito truffatore, che era solito vendere inesistenti miniere d'oro, cerca di fuggire con il frutto dell'ultimo inganno, ma Sartana glielo impedisce, lasciandole solo diecimila dollari.
  • Altri titoli:
    Have a Good Funeral, My Friend... Sartana Will Pay
    A Present for You, Amigo... A Coffin from Sartana
    Buen funeral, amigos, paga Sartana
    Gunslinger
    Stranger's Gold
  • Durata: 95'
  • Colore: C
  • Genere: WESTERN
  • Specifiche tecniche: CINEMASCOPE, EASTMANCOLOR
  • Produzione: LEO CEVENINI E VITTORIO MARTINO PER FLORA FILM, NATIONAL CIN.CA (ROMA), HISPAMER FILM (MADRID)
  • Distribuzione: VARIETY FILM - GENERAL VIDEO

CRITICA

Un western il cui logoro schema narrativo si è cercato di ravvivare con qualche trovata peraltro del tutto marginale. Nel complesso, per quanto realizzato con un certo mestiere, il film manca del tutto di originalità". (Segnalazioni Cinematografiche, vol. 69, 1970)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy