Joaquin Phoenix (Joaquin Raphael Phoenix)

SAN JUAN (Puerto Rico), 28 Ottobre 1974
 

BIOGRAFIA

Joaquin Phoenix
Attore. Fedele al mito associato al suo cognome, Phoenix - Fenice, Joaquin Phoenix ha cominciato la sua carriera lavorando in un paio di film per poi sparire e risorgere dalle ceneri qualche anno dopo, assurgendo a nuova gloria. Nato a Puerto Rico, cresce in una famiglia non convenzionale: il padre John Bottom ex finitore di arredamenti e la madre Arlyn Dunetz, ex segretaria insoddisfatta, si incontrano a Los Angeles dove lei era fuggita dopo aver lasciato lavoro e marito a Manhattan. La coppia decide di cercare insieme il senso della vita e diventano missionari per la setta religiosa "Figli di Dio". Joaquin nasce quando la famiglia si trova a Puerto Rico, durante uno dei loro numerosi viaggi ma quando Arlyn e John vengono a sapere che il capo della setta ha circuito ricchi discepoli con metodi poco ortodossi, abbandonano i "Figli di Dio" e tornano negli Stati Uniti. Nel 1979 la famiglia ha problemi finanziari ed i genitori vedono nei figli dotati di talento una possibile risorsa: incoraggiano tutti loro a recitare e li indirizzano ai concorsi per dilettanti. Un amico di famiglia manda un articolo sui ragazzi a Penny Marshall e tempo dopo la Paramount invita la famiglia a fare visita agli studi, nel caso si trovassero nei paraggi di Los Angeles. Il cognome Phoenix viene adottato a simboleggiare la nuova direzione presa dal clan. La primissima esperienza professionale di Joaquin (allora Leaf) è nel 1982 in un episodio della serie televisiva "Sette spose per sette fratelli" nella quale River faceva parte del cast abituale. Joaquin segue quindi le orme dei fratelli maggiori River e Rain e ottiene il suo ruolo più importante in "Space camp", cui segue "Parenti amici e tanti guai", che lo lancia come astro nascente. Nonostante ciò decide di ritirarsi da Hollywood, ritenendo che non ci fossero soggetti abbastanza buoni per attori della sua età. Decide di passare un periodo di tempo viaggiando al seguito del padre in Messico. Al suo ritorno riprende il suo vero nome. Una sera dell'ottobre del 1993, mentre si trova al Viper Room, il locale di Johnny Depp, insieme alla sorella Rainbow e il fratello River, assiste alla tragica morte del fratello per overdose di cocaina ed eroina. Con la morte di River, Joaquin torna sotto i riflettori (la sua chiamata al 911 mentre il fratello giaceva esanime fu trasmessa via radio e televisione). In maniera indelicata i media suggeriscono che Joaquin sia tornato a recitare per sfruttare la memoria del fratello, e la crudeltà di stampa e televisione riguardo alla tragedia Joaquin non l'ha mai perdonata. Lascia di nuovo Hollywood per tornare solamente nel 1995, con l'interpretazione di Jimmy in "Da morire", che gli fa guadagnare ottime critiche e poi con "Innocenza infranta" del 1997, film che non ha riscosso molto successo ai botteghini, ma è stato importante per l'incontro sul set fra Joaquin e LivTtyler, con la quale ha avuto una relazione durata tre anni. Successivamente lavora in "U-Turn" di Oliver Stone, "Il tempo di decidere", "Il sapore del sangue" e "8MM" che, anche se non è stato un grande successo di pubblico, ha segnalato che il talento di famiglia non era solo di River. Il 2000 lo vede protagonista in uno dei ruoli più interessanti, il Commodo dell'acclamato "Il gladiatore", con il quale ha ottenuto le nomination come miglior attore non protagonista ai Golden Globe, allo Screen Actor's Guild, ai Bafta e agli Oscar.

FILMOGRAFIA

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy