Ti presento un amico

ITALIA - 2010
Marco, giovane manager di un'azienda di cosmetici e single da poco tempo, viene trasferito a Roma per esigenze di lavoro. Ben presto si troverà coinvolto in un vortice di presentazioni di donne belle e affascinanti con cui proverà a iniziare una relazione...

CAST

CRITICA

"Con qualche aspirazione all'eleganza e qualche ricordo di George Clooney in 'Tra le nuvole', una commedia particolarmente scipita, realizzata senza cura: persino i vestiti delle ragazze sono insulsi. Non si lamenta la mancanza del lusso, ma la mancanza di un'accuratezza necessaria." (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 12 novembre 2010)

"La vita è una cosa meravigliosa, la cronaca rosa ai tempi della crisi in 'Ti presento un amico' dei Vanzina Bros. (...) Stavolta no. Con tutto il bene che vogliamo ai Vanzina, ci troviamo di fronte al loro nadir assoluto. Non si ride (l'innamorato geloso pugliese? Il capo tedesco che dice 'Lei è pacato per licenziare la cente!'), non si recita (Bova più imbarazzante che imbarazzato), non ci si emoziona. Però si riescono a leggere libri di 200 pagine in pochi minuti come fa Bova con l'oscuro romanzo 'La mia vita in Cucina (perchè la C maiuscola??) del rivale sentimentale Stefano Dionisi. Si salvi chi può." (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 12 novembre 2010)

"Stavolta i Vanzina fanno una mezza cilecca, tentando di fare il verso al magnifico 'Tra le nuvole', ovvero la vita difficile di un tagliatore di testa. Al posto di George Clooney c'è Raoul Bova, bravino per la verità. (...) Pessima la figura dei maschi, tutti, proprio tutti, ridotti a macchiette." (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 12 novembre 2010)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy