Mater Natura

Pasticcio napoletano in salsa trans, bozzettistico e buonista. E' l'esordio di Massimo Andrei, con Vladimir Luxuria e Maria Pia Calzone

21 Aprile 2006
Mater Natura
Mater Natura

Desiderio è un giovane transessuale: per vivere, si prostituisce. Dopo aver conosciuto Andrea, il gestore di un autolavaggio, se ne innamora e decide di abbandonare la strada. Ma Desiderio ignora che Andrea abbia una fidanzata e stia per sposarla. Privato anche dell’affetto dei genitori, che non accettano la sua diversità, Desiderio si rifugia tra gli eccentrici amici, che si dividono equamente tra marchette e filodrammatica: l’intellettuale Massimino, che si atteggia a Montessori del vicoletto;  Europa, sofferente per l’impossibile maternità, e il perverso Sue Ellen. Progetto comune: aprire un “agrifuturismo” che sia al contempo consultorio psicologico per uomini in crisi. Folklore, colori, battute social-facete di Vladimir Luxuria, psicologismo da avanspettacolo: l’opera prima di Massimo Andrei è un pasticcio napoletano in salsa trans. Abbastanza indigesto sul piano drammaturgico, stilisticamente insipido ed emotivamente fuori controllo: quel piccolo mondo contemporaneo che Mater Natura vorrebbe cantare è già stonato prima di aprire bocca. Fuori chiave per il bozzettismo degli affetti di stampo buonista: è questa la sola via percorribile dal cinema italiano per accostare la “diversità”? Non crediamo. E che dire a questo proposito della scelta ideologicamente suicida di far interpretare il trans chiamato Desiderio non da un vero transessuale, ma dalla bella Maria Pia Calzone? Snaturato.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy