TaorminaFilmFest: pochi soldi, molte star

Al via la 61° edizione della storica rassegna cinematografica siciliana: nonostante la crisi, assicurata la presenza di molte star internazionali. Dal 12 al 20 giugno
TaorminaFilmFest: pochi soldi, molte star

“Con un budget di circa 1.200.000 € coperto al 90% dalla mia società, la Agnus Dei, e un contributo pubblico degli enti siciliani coinvolti filtrato attraverso il comitato Taoarte di soli 100.000 €, organizzare quest’anno il TaorminaFilmFest è stata una vera impresa. Devo ringraziare gli sponsor, e le mie capacità di intrattenere relazioni anche personali con molte delle star che parteciperanno alla rassegna, se anche quest’anno si può organizzare un festival degno di questo nome, e anzi riportarlo alla ribalta nel panorama internazionale. Perché la vocazione mondiale è nella tradizione di questo festival, da quando gli attori principali di Hollywood come Gregory Peck calcavano le meravigliose pietre del Teatro antico di Taormina”. Tiziana Rocca, General Manager del TaorminaFilmFest, ammette di aver svolto un duro lavoro per sopperire ai tagli di budget decisi dalla Regione Sicilia a causa di una crisi economica che negli ultimi anni ha completamente stravolto gli assetti e gli equilibri di tutte le attività, costringendo il settore culturale (come tutti gli altri) a un profondo ripensamento del suo ruolo e delle proprie dinamiche. Il TaorminaFilmFest – dal 12 al 20 giugno la 61° edizione – è stato presentato questa mattina in conferenza stampa a Roma presso la sede dell’Anica.

Tiziana Rocca

Tiziana Rocca

“Taoarte, il comitato promotore anche del TaorminaFilmFest – spiega Filippo Romano, Commissario Straordinario alla Provincia Regionale di Messina – nasce nel lontano 1981, e dal 1991 riceve contributi regionali, che fino a pochi anni fa erano arrivati a toccare la quota di 3,6 mln € all’anno, drasticamente ridotti agli attuali 828.000 €, dei quali oltre la metà viene spesa per coprire i costi del personale del comitato stesso. Lo sforzo che possono fare le istituzioni per supportare un festival così importante è oramai soprattutto di carattere logistico e organizzativo”. In questo senso hanno operato la provincia di Messina e i comuni di Messina e Taromina, come hanno spiegato i sindaci, rispettivamente, Renato Accorinti ed Eligio Giardina.

Con oltre 70 ospiti internazionali, più di cento film in programma, comprese le proiezioni nella splendida cornice del Teatro antico, il Concorso Internazionale, Masterclass e Campus, incontri con gli autori, eventi speciali, web series e focus globali, la sessantunesima edizione del TaorminaFilmFest si annuncia ricca di novità capaci di dare attenzione sia a produzioni adatte a un pubblico cinefilo che a grandi prodotti commerciali.

Fuori concorso la proiezione in anteprima il 13 giugno di Inside Out, il nuovo film della Pixar, e in chiusura del Festival il thriller 600 Miles con Tim Roth; la preapertura della rassegna è affidata invece alla proiezione in 3D di Jurassic World, mentre il 15 giugno verrà mostrata in anteprima continentale l’ultima puntata della quinta stagione di Il trono di spade.

Sono stati annunciati grandi ospiti internazionali negli incontri di TaoClass: Richard Gere, Patricia Arquette, Susan Sarandon, l’attrice di Grey’s Anatomy Ellen Pompeo che racconterà come una scoperta scientifica reale avvenuta in Italia, la terapia genica con vettori lenti virali, sia stata raccontata in una serie tv popolare, Carlo ed Enrico Vanzina, che parleranno del cinema di Billy Wilder, e Gabriele Salvatores.
Gli incontri Campus saranno invece affidati, tra gli altri, a Rosario Dawson, Claudio Bisio, Abrima Erwiah, Dolph Lundgren, Fabrizio Biggio e Francesco Mandelli, James Marsden, Marco Tardelli, Sergio Rubini e Antonello Venditti. A presentare i propri progetti futuri nella sezione “Pre-visioni/Lavori in corso” saranno invece Fausto Brizzi, Teo Teocoli, Francesca Archibugi, Caterina D’Amico, Lillo e Greg e il regista Carlos Saura, che parlerà del suo nuovo film su Pablo Picasso con Antonio Banderas.

Tra i film in concorso che si contenderanno il “Cariddino d’Oro” l’americano Beyond the Reach/Caccia all’uomo con Michael Douglas, il polacco Obywatel/The Citizen, l’italiano The Nightless City/La città senza notte e il cubano Venecia. Tre produzioni indipendenti americane in concorso sono state scelte insieme a Variety: Cop Car, Krisha e Spring. La nuova linea di concorso TaoEdu, in collaborazione con Vincenzo Spadafora, Garante per l’infanzia, propone titoli finalizzati a promuovere la crescita culturale dei giovani: la coproduzione francese, cilena e brasiliana Ausência/Absence, l’olandese Gluckauf/Son of Mine, il francese Eva & Leon e l’italiano SanBa di Valentina Belli sul disagio di uno dei più difficili quartieri periferici romani, San Basilio.

In occasione degli 80 anni del Centro Sperimentale di Cinematografia saranno proiettati i primissimi lavori di alcuni celebri ex studenti della Scuola Nazionale di Cinema, come Paolo Virzì e Gabriele Muccino. Ci sarà una proiezione speciale per il documentario Malaterra con la canzone omonima inedita di Gigi D’Alessio.

Tra gli eventi speciali l’anteprima nazionale del cartoon italiano Winx Club Serie 7 della Rainbow, la presentazione del documentario Brave Miss World di Cecilia Peck sulle disavventure di Linor Abargil, modella che sei settimane prima di diventare Miss Mondo venne stuprata e accoltellata a Milano, e la proiezione del film d’azione coprodotto da Canada e Tailandia Skin Trade, con Dolph Lundgren e Ron Perlman.

“Quest’anno è stata messa in atto un’importante collaborazione tra il TaorminaFilmFest e la Fondazione Ente dello Spettacolo diretta da Antonio Urrata” ha sottolineato Jacopo Mosca, componente della direzione artistica del Festival insieme a Franco Montini, Chiara Nicoletti e Gabriele Niola. “Verrà infatti presentato – ha proseguito – un focus sul “Nuovo cinema indipendente cubano”, un’occasione fondamentale per conoscere il fermento culturale e cinematografico che anima Cuba. Nell’anno della storica distensione dei rapporti tra Stati Uniti e Cuba è importante osservare come i cineasti cubani abbiano già storicizzato il recentissimo passato del proprio paese e siano proiettati verso un futuro tanto incerto quanto pieno di speranza”. Ci sarà un momento di incontro con i registi cubani Carlos Lechuga, Luis Ernesto Doñas, Enrique Kiki Álvarez (autore di Venecia, in concorso) e la produttrice Claudia Calviño. I film cubani presentati nel focus saranno: Los Bañistas, Oslo, La trucha, Melaza, Juan de los muertos, La obra del siglo e Conducta.

Il Premio alla Carriera verrà assegnato a Giovanna Ralli, mentre la madrina del TaorminaFilmFest sarà Asia Argento.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy