Jeff Nichols, un Ufo sulla Berlinale

Midnight Special guarda a Starman di Carpenter e affida a Michael Shannon, Kirsten Dunst e agli alieni la sua corsa sull'Orso. Con poche chance di vittoria
12 Febbraio 2016
Festival, In evidenza
Jeff Nichols, un Ufo sulla Berlinale

Con la star di Hollywood Kirsten Dunst (Spider-Man, Melancholia) nel ruolo da protagonista il regista americano Jeff Nichols mette in scena nel suo Midnight Special, in concorso a Berlino, una miscela esplosiva e convincente di Science Fiction, Horror e dramma familiare.
Dunst è la madre di un bambino di otto anni (Jaeden Lieberher) dotato di poteri soprannaturali. Il bambino è in contatto con un’altra dimensione, da qualche parte, tra le pieghe dell’universo. Ma sia il governo degli Stati Uniti, sia una setta di fanatici religiosi sono interessati ai poteri del bambino. Per proteggerlo, il padre (Michael Shannon), lo porta via con sé. Inizia così una fuga e una caccia senza sosta.
Un road movie con elementi di horror e tante domande senza risposta alla fine. Nichols riaffida a Michael Shannon un ruolo principale dopo i successi di Mud (2012) e Take Shelter (2011). Un attore, Shannon, che merita senza dubbio più attenzione e, c’è da augurargli, anche più ruoli nel futuro. Notevole l’ottimo Sam Shepherd e il piccolo Jaeden Lieberher appena visto in St. Vincent a fianco di Bill Murray.
Per il suo quarto lungometraggio Jeff Nichols ammette di essersi ampiamente ispirato a un film grandioso, e dimenticato, del 1984: Starman di John Carpenter. Gli extraterrestri in un concorso come quello di Berlino non hanno alcuna chance, ma Nichols ha fatto bene questa volta a lavorare con una Major di Hollywood. Il film, prodotto da Sarah Green (The Tree of Life) verrà infatti distribuito da Warner Bros e, c’è da scommetterci, avrà il successo che si merita.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy