Il buco per il ritorno di Frammartino

"Le grotte costituiscono un fuori campo assoluto. Mi colpisce la coincidenza che speleologia, cinema e psicoanalisi nascano nella stessa data, il 1895", dice il regista. Che realizza un nuovo film 11 anni dopo Le quattro volte, in gara a Venezia 78
Il buco per il ritorno di Frammartino
Il buco di Michelangelo Frammartino

Durante il boom economico degli anni ’60, l’edificio più alto d’Europa viene costruito nel prospero nord Italia. All’altra estremità del paese nell’agosto del 1961 un gruppo di giovani speleologi visita l’altopiano calabrese e il suo incontaminato entroterra immergendosi nel sottosuolo di un Meridione che tutti stanno abbandonando. Scoprono così coi suoi 700 metri di profondità una delle grotte più profonde del mondo, l’Abisso del Bifurto dell’altopiano del Pollino, sotto lo sguardo di un vecchio pastore, unico testimone del territorio incontaminato.

Così lo presenta Barbera: «Dopo 11 anni il ritorno al cinema di Frammartino dopo “Le quattro volte”. Ci è voluto tantissimo per fare questa opera che ricostruisce con grande rigore l’impresa di un gruppo di speleologi piemontesi, con immagini di Renato Berta straordinarie. Voglio che scorporiate da soli la bellezza di questo film che ha la purezza di un diamante».

Il buco di Michelangelo Frammartino

«Per usare un termine cinematografico – dichiara il regista Michelangelo Frammartino, potremmo dire che le grotte costituiscono un fuori campo assoluto, anche perché la notte eterna che regna al loro interno sembrerebbe quanto di più ostile alla macchina da presa. Eppure, chi ama il cinema sa bene che il fuori campo, l’invisibile, rappresentano la sua “sostanza” più profonda. Mi colpisce la coincidenza che Speleologia, Cinema e Psicoanalisi abbiano il loro battesimo nella stessa data, il 1895».

Una produzione: Doppio Nodo Double Bind con Rai Cinema | prodotto da Marco Serrecchia, Michelangelo Frammartino, Philippe Bober | in coproduzione con Société Parisienne de Production, Essential Filmproduktion con il sostegno di MIC – Direzione Generale Cinema, Eurimages,  Calabria Film Commission, Regione Lazio, CNC – Aide Aux Cinémas Du Monde, Arte France Cinéma, ZDF/ART,  Medienboard Berlin Brandenburg,  Cinereach con la collaborazione e il patrocinio di Parco Nazionale del Pollino, Comune di San Lorenzo Bellizzi e la Società italiana di Speleologia | Distribuzione internazionale: Coproduction Office | Distribuzione italiana: Lucky Red.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy